Menu

Reader's Bench Menù PressDisclaimerReaders on tourLibri e...MagazineServiziRecensioniClickContattiChi Siamo Homepage

14 febbraio 2014

ROMANTICO COME SOLO UN NERD SA ESSERE


Oggi è San Valentino e benché la natura anticonformista del nerd medio imporrebbe che tale festività fosse evitata come la peste, di fatto anche l'homo nerdis appartiene alla categoria degli animali affetti dalla patologia comunemente denominata amore o quanto meno alla sua forma più pruriginosa detta attrazione fisica.

Io per esempio ho conosciuto una ragazza fantastica (forte come Kara “Skorpio” Thrace, pungente come Leila Organa, seducente come Beauty Tachibana, intelligente come la dottoressa Jsana Juric, integerrima come Wonder Woman, ecc ecc, ma soprattutto più bella di tutte loro messe insieme) e ho organizzato una serata molto speciale.

La accoglierò nella mia Batcaverna, illuminata solo dalla luce soffusa delle spade laser appese alla parete, ovviamente rosse che fanno tanto Lato Oscuro, quindi passione ardente. Le lascerò togliere il mantello da supereroina e le offrirò un raktajino se è una trekkie (che la Forza sia con me!), altrimenti una cioccolata (sia lodato Timothy Zahn per aver inserito la cioccolata nell'Universo Espanso di Star Wars, altrimenti chissà cosa mi toccherebbe bere!).


Lei sarà immancabilmente attratta dalla mia libreria piena di volumi nerd, come fumetti, romanzi e manuali Star Wars, “Player One” di Ernest Cline, “La storia naturale del nerd” di Benjamin Nugent e sarà inevitabilmente colpita dal “Manuale per sopravvivere agli Zombie”, di Max Brooks. A quel punto la stupirò, tirando fuori da una nicchia seminascosta nella libreria, un libro che troverà adorabile e che avrò piacere di prestarle: sono indeciso tra “Finché zombie non ci separi” di Jesse Petersen (o un altro della serie “Living with the Dead” della stessa autrice), “Orgoglio e pregiudizio Zombie” di Seth Grahame-Smith e... no, non presto i miei libri di Christopher Moore al primo appuntamento, neanche se fosse con tutte le femme fatàle di “The Spirit” (Eva Mendez e Scarlett Joansson, per chi non lo sapesse, ma probabilmente a loro li presterei).

Per la cena pensavo a un menù esotico, ma considerando l'aspetto che ha il cibo nelle saghe di Peter Jackson, escludo subito la cucina fantasy, che il più delle volte ha effetti quantomai indesiderati: non è questa la sera per trasformarsi in rospo o diventare un orco! No, andiamo sul classico: menù alderaaniano cucinato con le mie mani!


Ormai mi destreggio nel corteggiamento come un Dungeon Master consumato e come sottofondo alla cena faccio partire il DVD de “La rivincita dei nerd IV”, che racconta la struggente storia d'amore tra Caccola e una ragazza dei quartieri alti: perché a noi nerd roba come West Side Story ci fa un baffo!

Il film è finito, la cena starebbe per volgere al termine, ma io ho ancora due carte da giocare per conquistare la mia bella. 

Con un gioco di prestigio, faccio comparire nelle mie mani l'ultimo numero di “Orfani”, fumetto di cui entrambi siamo molto appassionati (e qui scattano le affinità elettive... sì, certo, ci sarebbe già Star Wars, ma a chi non piace Star Wars? E, se anche esistesse qualcuno a cui non piace, pensate che lo farei entrare in casa mia?). Lei è stupefatta! Sapeva che sarebbe uscito solo il giorno dopo, ma io ne ho già una copia! Non dovrà mai sapere che tutti i numeri usciti finora sono sempre stati disponibili uno o due giorni in anticipo: per lei io sarò “quello con tutti gli agganci giusti nel nerd-universo”!



Lo leggiamo insieme, avidamente. Lei si mostra sorpresa da alcuni colpi di scena, mentre io dimostro un'impassibile fermezza: ragazza, io conosco tutte le anticipazioni, anche sulla seconda stagione!

Ormai è ai miei piedi! “Vede in me un misto di intelletto e vigore maschio” (cit. Lillo & Greg) e io assesto il colpo del KO, la mossa che la farà mia nei secoli a venire, la magia che la trasformerà in colei che regnerà insieme a me sull'universo, quando avrò preso il potere, la mia imperatrice! Da una tasca sfoderò un anello per lei, con il simbolo della Repubblica Galattica e la scritta “I love you”. Solo allora nota al mio dito un anello identico con la dicitura “I know”.

 Dopo un lungo, appassionato bacio, non ho nemmeno bisogno di chiederle se vuole vedere la mia collezione di action figure di Darth Vader, per convincerla a seguirmi in camera!

L'unica nota stonata sarà il risveglio!


A cura di Diego Rosato