Menu

Reader's Bench Menù PressDisclaimerReaders on tourLibri e...MagazineServiziRecensioniClickContattiChi Siamo Homepage

31 maggio 2013

ATTENTI ALLE PUNTURE DI ZANZARA


Leonardo Sciascia pensava che, se avesse scritto saggi sui problemi della sua terra ed in particolare sulla Mafia, non avrebbe mai raggiunto il grande pubblico, così cominciò a scrivere romanzi gialli. Se ho ben compreso le intenzioni dell'autore, in questo romanzo Antonio Grassi si ripropone più o meno lo stesso obiettivo, parlando di rischi biologici su scala mondiale.

In un piccolo paese della provincia lombarda un uomo cura le relazioni con le istituzioni per conto di un'industria specializzata nella ricerca biologica. Tutto sembra scorrere come sempre, ma la notizia di un non precisato incidente e l'incontro con un'attivista che lotta per la salvaguardia dell'ambiente saranno l'inizio di una sequela di eventi che sconvolgeranno la vita del protagonista, riportando alla luce alcuni lati sepolti del suo passato. È davvero avvenuto un incidente? Che rapporti ha la ditta con i Paesi dell'Est? Cosa si nasconde dietro lo pseudonimo Misha?

Diciamo che il mio giudizio su questo libro si basa su due aspetti diversi e complementari: il cosa ed il come. Il punto di forza dell'opera, a mio avviso, è il cosa. L'argomento è quanto mai attuale, ben contestualizzato (non mancano riferimenti storici e politici ottimamente inseriti nella narrazione) e di sicuro effetto. 

Qualche perplessità mi ha suscitato il come. La scelta del thriller aiuta a tenere il lettore focalizzato sulla narrazione, ma, per quanto siano apprezzabili i momenti più introspettivi del protagonista, in alcuni passi la narrazione risente un po' del calo di ritmo che comportano: in un paio di occasioni ho avuto la tentazione di saltare alcuni passi, resi un po' farraginosi da disquisizioni anche interessanti, ma un po' fuori tema e dal linguaggio articolato.

In sintesi, un buon libro, con una trama avvincente ed un nobile intento, a patto di avere un po' di pazienza per giungere alla conclusione.

A cura di Diego Rosato


Vernice fresca di Antonio Grassi, Libreria Dornetti, 492 pagg, 17,00 euro

Per maggiori info visitate il sito della Libreria Dornetti.





Voto 7/10



       
Il libro ci é stato inviato gratuitamente dall'autore per una recensione




0 commenti:

Posta un commento

Lascia un commento!