Menu

Reader's Bench Menù PressDisclaimerReaders on tourLibri e...MagazineServiziRecensioniClickContattiChi Siamo Homepage

6 febbraio 2012

ZAZIE.IT


In un nostro precedente articolo abbiamo visto come negli ultimi anni siamo letteralmente “invasi” da questi social network, ognuno ha una sua idea di base per tendere ad “aggregare” le persone. Da Facebook a Twitter fino a Linkedin e, nel caso dei libri, Anobii.


Ma ultimamente per quando riguarda il mondo dei social network orientati ai libri c’è una novità, e si chiama Zazie. Il nome probabilmente (ipotesi mia) è preso dal romanzo francese “Zazie nel metro” di Raymond Queneau.
 
Un nuovo social network? Perchè mai una persona dovrebbe cambiare o aprirsi un account per l’ennesimo portale?

Al primo impatto Zazie presenta una grafica più accattivante e più colorata. E’ possibile aggiungere nuovi contatti, ma non fa distinzione tra amici e vicini, perciò fanno parte di una rete unica.
 
Per chi sia pigro e pensi sia tedioso aggiungere da capo i libri della propria libreria, basta semplicemente esportarli da un social network (Anobii garantisce questa funzione sia per la libreria che la lista dei desideri)ed importarli in Zazie.
 
Cosa cambia rispetto ad Anobii? Una volta che si è aggiunto un libro alla propria libreria, non solo si possono inserire i voti e quando e dove è stato acquistato ma permette anche di assegnare dei badge ai propri libri. Ovvero si possono aggiungere delle medaglie che esprimano lo stato d’animo che si provava quando si leggeva quel libro. Queste sono denominate mood e sono come le emoticon che si usano nelle chat. 

E poi ci sono le cdq che servono a indicare come, dove e quando si può leggere questo libro.
 
Dunque cambia il modo di considerare il libro e quello che ci trasmette; in questo modo l’opinione di chi vuole conoscere un libro va oltre le semplici idee che scaturiscono da una scala di valori e le parole riportate in una recensione.

Unico piccolo neo, il social network è tuttora una versione beta e potrebbe presentare qualche problemino, comunque c’è modo di segnalare i problemi che si riscontrano (ma anche Anobii a volte presenta problemini e richiede continua manutenzione).

Sarà Zazie il nuovo social network leader, per i libri? Ai posteri all’ardua sentenza, da parte mia posso solo consigliarvi caldamente di provarlo.

A cura di Claudio 

Per approfondire:


Dal romanzo di Queneau, una nuova versione di "Zazie nel metrò" con i disegni di Clement Oubrerie, Rizzoli Lizard, 128 pagg, 16.00 euro.

0 commenti:

Posta un commento

Lascia un commento!