Menu

Reader's Bench Menù PressDisclaimerReaders on tourLibri e...MagazineServiziRecensioniClickContattiChi Siamo Homepage

16 febbraio 2012

La famiglia vuota di Colm Toibin



La famiglia vuota è il luogo dove non dover più fare ritorno. A differenza di quelle “normali” che esercitano un fascino ed un certa attrazione, le famiglie vuote respingono e spingono i loro membri a colmare la solitudine trovando negli altri una consolazione.



Ma il passato, come si sa, ritorna sempre a far visita e anche se ci troviamo a migliaia di chilometri accade sempre qualcosa che ci costringe a tornare indietro.

I conti con il passato non si sono mai chiusi per i protagonisti di questa raccolta di racconti di Colm Toibin. Il punto di partenza è sempre lei: Dublino, la città in cui si sono rifugiati tutti i protagonisti. Da qui si partirà per andare a visitare una madre abbandonata da tempo o si arriverà dal lontano Pakistan per trovare la stabilità tanto agognata.

Questi e tanti altri racconti che nel libro di Toibin si intrecciano e creano una nuova idea di famiglia che si reinventa e si allarga per includere le persone e i luoghi che ci fanno sentire a casa anche se siamo lontani dal nostro luogo d’origine.

Un posto dell’anima più che delle convenzioni o imposizioni in cui essere sé stessi senza mai dimenticare da dove si viene.




“La famiglia vuota” di Colm Toibin, Bompiani, 283 pagg, 18.00 euro


A cura di Clara Raimondi

0 commenti:

Posta un commento

Lascia un commento!