Menu

Reader's Bench Menù PressDisclaimerReaders on tourLibri e...MagazineServiziRecensioniClickContattiChi Siamo Homepage

29 novembre 2011

VIVERE DI SCRITTURA



Nella nostra sezione Young Writers  trovate una serie di suggerimenti e consigli sul mondo dell’editoria. 

Vi abbiamo accompagnato alla scoperta delle diverse figure professionali coinvolte e dato suggerimenti sui libri da leggere e sulle case editrici che pubblicano non a pagamento. Ma una volta che avete seguito ogni nostro consiglio e magari dopo essere entrati in contatto con una casa editrice, che cosa succede realmente?


Trascorrono diversi mesi e nessuno vi ricontatta e il vostro manoscritto cade nell’oblio più profondo; eppure c’è una soluzione e questa consiste nell’autoproduzione. Ve ne avevamo già parlato durante il Lucca Comics & Games e oggi vogliamo riproporlo grazie all’iniziativa di Roberto Tartaglia.

Roberto Tartaglia, classe 1977, dopo una serie di rifiuti ha deciso di auto produrre il suo primo thriller: Casus Belli. Una scelta non facile perché il progetto avrebbe avuto successo solo grazie alle sue capacità, senza la promozione e le recensioni entusiastiche che procura una casa editrice. L’autoproduzione non è altro che la condivisione della propria scrittura, sganciata da qualsiasi progetto editoriale. 

Il successo di Casus Belli è stato tale tanto che presto uscirà un’edizione in lingua inglese ma soprattutto ha spinto Roberto Tartaglia a creare viverediscrittura.it, il primo portale italiano dedicato all’editoria indipendente. 

Se siete interessati al self publishing vi conviene iscrivervi al sito; una volta inserita la vostra mail e la password, periodicamente riceverete istruzioni che passo dopo passo vi guideranno verso la pubblicazione e la promozione del vostro libro. "Ma non è tutto, iscrivendovi anche al sito www.robertotartaglia.com, avrete la possibilità di ricevere le anteprime delle opere di Roberto e, subito, anche una copia in pdf di Casus Belli.

Un servizio gratuito che si arricchisce dell’esperienza di un giovane scrittore che prima di voi ha tentato, con successo, questa nuova strada.

L’autoproduzione più che un manifesto letterario è un nuovo modo di avvicinarsi al vostro obbiettivo, soprattutto se avevate perso la speranza di essere pubblicati.

Il self publishing nella variante più fedele  prevede addirittura che le copie vengano realizzate a mano con l’uso di carta riciclata e con un numero ristrettissimo di volumi. Senza però arrivare alle soluzioni più estreme possiamo dirvi che esistono siti che permettono lae condivisione reale e fruttuosa del vostro progetto anche se alcuni servizi sono a pagamento.

Roberto Tartaglia realizzerà per la nostra panchina, a partire dalla prossima settimana, una serie di articoli sull’autoproduzione. Visitate la sua pagina Facebook.

Young Writers, siete avvertiti!


“Casus Belli” di Roberto Tartaglia, 184 pagg, 15.00 euro 

A cura di Claretta

1 commenti:

Reader's Bench ha detto...

Mi sento in dovere di rettificare quanto scritto su questo articolo, ilmiolibro.it non è un servizio agevole, non solo perchè è a pagamento ma perchè non rilascia un isbn per il libro. Ho provveduto a corregere io stessa, prometto di indagare su altri tipi di siti che promuovono le autoproduzioni. Clara Raimondi

Posta un commento

Lascia un commento!