Menu

Reader's Bench Menù PressDisclaimerReaders on tourLibri e...MagazineServiziRecensioniClickContattiChi Siamo Homepage

11 ottobre 2011

Frankfurt Book Fair 2011


In ottobre in Germania non c’è solo la celeberrima Oktober Fest, peraltro conclusasi pochi giorni fa a Monaco, ma anche, e soprattutto, la Fiera del Libro di Francoforte. 

Aprirà domani e si concluderà domenica 16 ottobre una delle manifestazioni più importanti per l’editoria europea. Non sarò qui, con il centimetro alla mano, a dirvi se quella di Francoforte sia o no la più grande e seguita, sono qui per parlarvi di una manifestazione tra le più antiche d’Europa che chiude l’anno e si proietta già nel futuro, dettando di fatto le tendenze per il 2012. 

Buchmesse chiuderà al pubblico per i primi tre giorni, durante i quali le case editrici potranno presentare le loro ultime novità, inaugurare una serie di dibattiti sulla crisi che inevitabilmente ha colpito il settore e sulla libertà d’espressione. Sembra infatti che una delegazione italiana, sostenuta da alcuni editori, sia in partenza per Francoforte per manifestare contro il decreto di legge sulle intercettazioni, domani in approvazione alla camera. 

Rizzoli presenterà in anteprima il nuovo libro di Dacia Maraini “La grande festa” e “L’arte delle difesa” di Chad Harbach, il cavallo su cui punta per l’anno 2012. 

Francoforte quindi come punto di riferimento per tutto quello che vedremo sugli scaffali per la prossima stagione editoriale. La Buchmesse diventa l’occasione anche per scoprire, attraverso i libri, diversi paesi del mondo e per assistere a migliaia di eventi collaterali. Quest'anno, come per ogni edizione, c’ è un paese ospite: l'Islanda, una nazione che si tenta di far conoscere meglio anche attraverso la sua letteratura.

Francoforte, cuore economico della Germania, ospita la manifestazione dall’800. Solo nel secondo dopoguerra la manifestazione fu temporaneamente trasferita a Lipsia, altro centro dell’industria editoriale. Nei pressi di Francoforte, precisamente a Magonza, fu inventata nel 1455 la stampa a caratteri mobili da Gutenberg.

Buchmesse diventa la sintesi tra economia e cultura, tra diffusione culturale ed affari legati al mondo dell’editoria. 

Per maggiori informazioni, visitate il sito in inglese: http://www.buchmesse.de/en/fbf/

A cura di Claretta

0 commenti:

Posta un commento

Lascia un commento!