Menu

Reader's Bench Menù PressDisclaimerReaders on tourLibri e...MagazineServiziRecensioniClickContattiChi Siamo Homepage

30 settembre 2011

Il lungo intrigo di Alfio Caruso


Ore 18.00, Pinacoteca Palacultura, Latina


Dopo l’inaugurazione della quinta edizione, Giallolatino parte alla grande con la presentazione de Il lungo Intrigo di Alfio Caruso. Modera l’incontro Gianluca Campagna, direttore di Ego Edizioni e promotore della manifestazione.


Alfio Caruso è uno dei giornalisti più noti d’Italia; la sua carriera inizia con la fondazione, con Montanelli, del Giornale per poi continuare con la collaborazione con le più grandi testate italiana come Il Corriere della Sera.


Il suo Lungo Intrigo ripercorre gli ultimi sessant’anni di storia italiana; decenni segnati da grandi misteri irrisolti. L’intervento dell’autore ripercorre anno dopo anno i fatti di cronaca più importanti del nostro paese.


Per un momento ho avuto la sensazione di trovarmi davanti ad Impastato e al suo Attentato al Papa. I fatti narrati, i misteri irrisolti sono sempre gli stessi, purtroppo. Cambia decisamente il punto di vista e i riferimenti ad un diverso passato professionale.


Biagio Proietti, interviene durante la presentazione e senza mezzi termini chiede a Caruso il nome dell’entità che da sempre sabota la nostra Repubblica.


L’autore non fa mistero del suo pensiero ed ammette che negli anni, anche se si sono succeduti governi ed idologie diverse ed opposte, la vera minaccia all’unità del paese è stata la massoneria.


Secondo Caruso è lei l’unica responsabile che ha potuto agire in un paese davvero singolare; un paese in cui la verità giudiziaria spesso non coincide con la realtà dei fatti.


La strage di Bologna per esempio è, nell’idea dell’autore, un clamoroso errore giudiziario per il quale sono stati condannati degli innocenti. Le vere motivazioni sono da ricercare in una vendetta di Gheddafi per la strage di Ustica.


Ed il giornalista continua e, senza aver paura di smentite, affronta un altro difficile nodo: l’omicidio di Pasolini (citato anche nell’incipit del romanzo) voluto da un fronte politico avverso e per il quale Pelosi fece da esca.


Un bella ed intensa presentazione di uno scrittore che non ha paura di parlare chiaramente. Il percorso del libro è diventato anche quello dello scrittore che ha voluto ricordare gli anni dedicati all’approfondimento giornalistico.


Un Alfio Caruso energico e convincente in questa edizione di Giallolatino, 2011.


Per approfondire:



“Il lungo Intrigo. Dal 1943 ad oggi: per una storia segreta d’Italia” di Alfio Caruso, Longanesi, 369 pagg, 16.60 euro


A cura di Claretta




0 commenti:

Posta un commento

Lascia un commento!