Menu

Reader's Bench Menù PressDisclaimerReaders on tourLibri e...MagazineServiziRecensioniClickContattiChi Siamo Homepage

5 luglio 2011

Recensione | SHOPPING CON JANE AUSTEN (Laurie Viera Rigler)


I libri di Jane Austen sono per me una sorta di droga dalla quale non riesco a star lontana più di qualche mese. Orgoglio e pregiudizio è un'ancora di salvataggio dai problemi di cuore, ogni cosa sembra avere un suo esatto posto e la storia finisce lasciando una bella sensazione di calore nel cuore.


Queste stesse esatte parole le potrebbe dire anche Courtney, la protagonista di questo romanzo, che cura il suo dolore per il tradimento del futuro marito Frank leggendo ossessivamente Orgoglio e Pregiudizio, addormentandosi cullata dall'amore di Elizabeth e Mr Darcy. Il problema però è che al suo risveglio non si trova più nel suo letto bensì in quello di Miss Manfield, una zitella trentenne del XIX secolo. All'inizio le sembrerà un semplice sogno invece sta vivendo la vita di qualcun altra.

Inizia qui il suo personale percorso per capire come ha fatto a ritrovarsi in un'altra epoca e, soprattutto, perchè si è ritrovata proprio nel corpo di Miss Manfield, la quale sembra aver vissuto eventi decisamente simili alle sue disavventure. Riuscirà così a far ordine nella sua vita, sfruttando la vita di qualcun'altra e magari incontrando anche la sua eroina.

Gli amanti di Jane Austen troveranno un romanzo pieno di riferimenti alla scrittrice ma che non si propone di imitarne lo stile, nonostante prenda molti spunti per la sua ambientazione. La storia è piacevole e la lettura piuttosto scorrevole; un romanzo rosa divertente e leggero ma con qualche piccolo spunto di riflessione.

E' uscito anche un seguito al libro “In viaggio con Jane Austen” che ci proponiamo di leggere e recensire presto sulla nostra panchina.



A cura di Eleonora


“Shopping con Jane Austen” di Laurie Viera Rigler, Sperling, 320 pagg, 9,50 euro    

  
Voto: 7,5 / 10







ACQUISTA ORA



6 commenti:

Diego ha detto...

A leggere la recensione, ricorda vagamente il film "Non ci resta che piangere"

Michela ha detto...

una bella recensione!!
io sono una appassionata di jane austen e ho sempre diffidato dai libri moderni che cercavano di imitarla o, peggio, utilizzare la sua fama per vendere.
ma adesso questa recensione mi ha convinta ad indentrarmi in questa avventura...farò sapere le mie impressioni.
Una sola domanda: hai letto anche i libri che ha scritto Pamela Aidan? cioè la Trilogia di Fitzwilliam Darcy, gentiluomo:

1) Per orgoglio o per amore
2) Tra dovere o desiderio
3) Quello che resta

Mi piacerebbe sapere una tua opinione.
Grazie
Michela

Eleonora ha detto...

Purtroppo non ho letto i libri di Pamela Aidan, ma adesso sono incuriosita quindi credo che li comprerò presto e ti dirò cosa ne penso. A te sono piaciuti? Cosa ne pensi?

Aspetto le tue impressioni su questo libro.
Eleonora

micia ha detto...

Pur sapendo che nessun libro sarà come l'originale, spesso mi lascio attrarre solo dalla parola Jane Austen.
Ciao

Michela ha detto...

neanchio ancora li ho letti...sempre per paura che mi rovinino il meraviglioso mondo di jane!!
cmq anchio li leggerò e ci scambieremo l'dee!!!
Grazie e a presto

Eleonora ha detto...

Capisco perfettamente! Quando vedo un libro con scritto Jane Austen mi entusiasmo e vengo presa da shopping compulsivo. L'importante e non cercare una imitazione ma farsi catturare dall'atmosfera o dalla storia, sperando che non sia un ricopiare frasi e avvenimenti già fatti.

Posta un commento

Lascia un commento!