Menu

Reader's Bench Menù PressDisclaimerReaders on tourLibri e...MagazineServiziRecensioniClickContattiChi Siamo Homepage

22 luglio 2011

Recensione | LA CASA DEL SONNO (Jonathan Coe)


Quando si conoscono nuove persone, e si ha la fortuna che queste condividano la passione per la lettura (cosa rara a volte) è facile che si scambino pare ed opinioni sui prossimi libri da leggere.

Una di queste discussioni mi ha portato un pomeriggio dentro una libreria e a tornare a casa con “La casa del sonno” di Jonathan Coe.


Ero alquanto titubante perché non avevo mai letto niente di questo autore e tempo addietro mi consigliarono il suo ultimo lavoro ma non mi intrigò più di tanto.

Invece, iniziando a leggere sono rimasto subito colpito dalla scrittura di Coe: molto ricca, dettagliata, piena di particolari ma mai noiosa. Pensai tra me e me che non era affatto male!

Più continuavo a leggere e più rimanevo basito dalla varietà di personaggi del racconto e delle situazioni che condiscono lo stesso.

Il romanzo è strutturato nelle varie fasi del sonno, ogni fase è composta in capitoli dove i pari riportano i fatti nel 1996 (che viene considerato il presente del romanzo), mentre quelli dispari riporta i fatti nel 1983-84 (il passato), e racconta la storia di un gruppo di persone che si sono conosciute durante l’università in una casa per studenti ad Ashdown, che in seguito diventerà una clinica per la cura dei disturbi del sonno chiamata appunto “La casa del sonno”. La trama è quindi un intreccio tra la vita attuale dei personaggi ed episodi del passato che servono a capire l’evoluzione dei personaggi e come si evolvano i rapporti tra alcuni di essi. Il tutto condita da colpi di scena e coincidenze al limite dell’inverosimile.

Le caratteristiche dei personaggi vengono portati all’eccesso, in comune hanno la voglia di affermarsi nella vita in base alle proprie passioni di gioventù. Tutti poi sono legati in qualche maniera al sonno ed ai disturbi ad esso correlato e alla fine questo non è altro che il motore della narrazione.

A parte le sensazioni di stupore nel leggerlo, l’ho trovato molto divertente, leggero e per certi versi frizzante. Le mie sensazioni non mi hanno tradito per fortuna e non vedo l’ora di leggere i prossimi romanzi di Jonathan Coe.

A cura di Claudio

 "La casa del sonno" di Jonathan Coe, Feltrinelli, 312 pagg, 15.49 euro

Voto 7.5/10



0 commenti:

Posta un commento

Lascia un commento!