Menu

Reader's Bench Menù PressDisclaimerReaders on tourLibri e...MagazineServiziRecensioniClickContattiChi Siamo Homepage

21 luglio 2011

L'AGENTE LETTERARIO



Young Writers, oggi siamo qui per uno degli appuntamenti dedicati a voi e al vostro lavoro. La figura fondamentale che si occupa della promozione e valorizzazione della vostra opera è l’agente letterario; una figura professionale che ha modificato, nel corso del tempo, le sue capacità e gli ambiti di competenza.


La figura dell’agente letterario nasce in Inghilterra nei primi anni dell’800 e all’inizio non è altro che un mediatore che in modo informale e gratuito si occupa di tutelare l’equità dei contratti con gli autori.

Qualche decennio dopo  diventa un professionista a tutti gli effetti, a cui spetta una percentuale per il lavoro svolto ed è  lui che dialoga direttamente con le case editrici e decide di scomporre gli scritti in inserti che spesso accompagnavano i quotidiani.

Rispetto  all’Inghilterra e agli Stati Uniti, in Europa la nascita di questa professione è attestata dopo  la fine della Seconda Guerra Mondiale; prima di questa data infatti gli agenti letterari nel nostro continente si occupavano di rappresentare le agenzie straniere.

L’aumento dell’importazione di titoli stranieri e la nascita di un’industria letteraria in Italia favoriscono la nascita delle prime agenzie letterarie e di professionisti come Erich Linde, responsabile fino al 1983 de L’Agenzia Letteraria Internazionale, che amava definirsi “amministratore di autori”.

La definizione di cui amava fregiarsi Linder ci spinge a chiederci, chi è l’agente letterario?

E’ un professionista che mette al servizio dell’autore le sue competenze al fine di trovare la casa editrice adatta alla pubblicazione del manoscritto e di promuoverlo nel miglior modo possibile. Un esperto che unisce alle capacità letterarie quelle manageriali, intervenendo in quegli ambiti che non sono di competenza dell’autore.

Ma se il compito di un’agenzia letteraria italiana fino a qualche anno fa era quello di rappresentare l’autore e curare i rapporti con le testate giornalistiche, oggi, possiamo dire che non è più così.

Le agenzie letterarie sono diventate agenzie di Servizi editoriali che aiutano l’autore dal momento della creazione fino alla distribuzione e vendita del libro, offrendo servizi come: correzione delle bozze, editing, impaginazione, ricerche documentarie, ufficio stampa, progettazione grafica, organizzazione eventi.

Solo dopo la fine dell’intero progetto editoriale e se la valutazione rimane positiva, il libro viene presentato all’editore più adatto.

Per cercare di ariginare la mancanza, vere e proprie scuole di editoria sono nate in lungo e in largo nel nostro paese che si dedicano al processo formativo.

Non dimentichiamo che uno dei compiti principali dell’agente letterario è quello di talent scout ed è per questo che è sempre alla ricerca di scrittori esordienti; quindi Writers, fatevi sotto!

Prima di pubblicare, affidatevi a dei professionisti che vi possano aiutare e soprattutto trovare per voi la casa editrice più adatta.

Il compito delle case editrici è quello di puntare su un giovane scrittore non di spennarlo come un pollo.

Cliccate QUI per avere l’elenco completo delle principali agenzie letterarie italiane, quelle con l’asterisco organizzano scuole di editoria.

Alla prossima puntata Young Writers!

Questo articolo prende spunto da un articolo uscito sulla rivista letteraria Leggere Tutti e in particolar modo al numero dello scorso marzo 2011.

A cura di Claretta 

Per approfondire:



 "L'agente (segreto) letterario da Erich Linder ad oggi", Sylvestre Bonnard, 160 pagg, 18.00 euro

0 commenti:

Posta un commento

Lascia un commento!