Menu

Reader's Bench Menù PressDisclaimerReaders on tourLibri e...MagazineServiziRecensioniClickContattiChi Siamo Homepage

9 giugno 2011

REFERENDUM 12-13 GIUGNO 2011



Caro Reader, ci siamo a lungo interrogati se scrivere o meno sul Referendum del prossimo 12 e 13 giugno. Ma abbiamo pensato che facendo informazione non potevamo esimerci.

Non ti diremo cosa votare ma solo informati su cosa fare domenica e lunedì.


Innanzitutto, bisogna sempre ricordarlo, andare a votare è un diritto ma soprattutto un dovere civico e che sia si o no o scheda bianca la tua scelta; non importa! 

E’ fondamentale scegliere in base alla propria coscienza, alla propria esperienza ma mai senza essere informati. Quindi Reader leggi più che puoi sull’argomento, non farti trovare impreparato!

Si vota Domenica 12 e Lunedì 13 giugno, dalle 8 alle 22 domenica e dalle 7 alle 15 lunedì. Prima di andare a votare assicurati di avere con te un ducumento d'indentità valido e il certificato elettorale, se non lo trovi o l’hai smarrito puoi recarti negli uffici del comune e ricevere, gratuitamente,  una copia valida per andare a votare.

Sul frontespizio del certificato elettorale troverete l’indirizzo del vostro seggio e il numero della sezione. 

Riceverete quattro schede di colore diverso:

Que­sito n. 1 – re­fe­ren­dum ac­qua pub­blica – abro­ga­zione af­fi­da­mento ser­vi­zio ad ope­ra­tori privati

Re­fe­ren­dum po­po­lare n. 1 – SCHEDA DI COLORE ROSSO

“Vo­lete voi che sia abro­gato l’art. 23 bis (Ser­vizi pub­blici lo­cali di ri­le­vanza eco­no­mica) del de­creto legge 25 giu­gno 2008 n.112 “Di­spo­si­zioni ur­genti per lo svi­luppo eco­no­mico, la sem­pli­fi­ca­zione, la com­pe­ti­ti­vità, la sta­bi­liz­za­zione della fi­nanza pub­blica e la pe­re­qua­zione tri­bu­ta­ria” con­ver­tito, con mo­di­fi­ca­zioni, in legge 6 ago­sto 2008, n.133, come mo­di­fi­cato dall’art.30, comma 26 della legge 23 lu­glio 2009, n.99 re­cante “Di­spo­si­zioni per lo svi­luppo e l’internazionalizzazione delle im­prese, non­ché in ma­te­ria di ener­gia” e dall’art.15 del de­creto legge 25 set­tem­bre 2009, n.135, re­cante “Di­spo­si­zioni ur­genti per l’attuazione di ob­bli­ghi co­mu­ni­tari e per l’esecuzione di sen­tenze della corte di giu­sti­zia della Co­mu­nità eu­ro­pea” con­ver­tito, con mo­di­fi­ca­zioni, in legge 20 no­vem­bre 2009, n.166, nel te­sto ri­sul­tante a se­guito della sen­tenza n.325 del 2010 della Corte costituzionale?”

Vota Si chi vuole abrogare la legge

Vota No chi vuole che la legge resti invariata

Que­sito n. 2 – re­fe­ren­dum ac­qua pub­blica – abro­ga­zione cal­colo ta­riffa se­condo lo­gi­che di “mercato”


Re­fe­ren­dum po­po­lare n. 2 – SCHEDA DI COLORE GIALLO

“Vo­lete voi che sia abro­gato il comma 1, dell’art. 154 (Ta­riffa del ser­vi­zio idrico in­te­grato) del De­creto Le­gi­sla­tivo n. 152 del 3 aprile 2006 “Norme in ma­te­ria am­bien­tale”, li­mi­ta­ta­mente alla se­guente parte: “dell’adeguatezza della re­mu­ne­ra­zione del ca­pi­tale investito”?”

Vota Si chi vuole abrogare la legge

Vota Non chi vuole che la legge resti invariata

Que­sito n. 3 – re­fe­ren­dum ener­gia nucleare


Re­fe­ren­dum po­po­lare n. 3 – SCHEDA DI COLORE GRIGIO

“Vo­lete voi che sia abro­gato il decreto-legge 25 giu­gno 2008, n. 112, con­ver­tito con mo­di­fi­ca­zioni, dalla legge 6 ago­sto 2008, n. 133, nel te­sto ri­sul­tante per ef­fetto di mo­di­fi­ca­zioni ed in­te­gra­zioni suc­ces­sive, re­cante Di­spo­si­zioni ur­genti per lo svi­luppo eco­no­mico, la sem­pli­fi­ca­zione, la com­pe­ti­ti­vità, la sta­bi­liz­za­zione della fi­nanza pub­blica e la pe­re­qua­zione tri­bu­ta­ria, li­mi­ta­ta­mente alle se­guenti parti: art. 7, comma 1, let­tera d: rea­liz­za­zione nel ter­ri­to­rio na­zio­nale di im­pianti di pro­du­zione di ener­gia nucleare?”

Vota Si chi vuole abrogare la legge

Vota Non chi vuole che la legge resti invariata

Que­sito n. 4 – re­fe­ren­dum le­git­timo impedimento


Re­fe­ren­dum po­po­lare n. 4 – SCHEDA DI COLORE VERDE CHIARO

“Vo­lete voi che siano abro­gati l’articolo 1, commi 1, 2, 3, 5, 6 non­chè l’articolo 1 della legge 7 aprile 2010 nu­mero 51 re­cante “di­spo­si­zioni in ma­te­ria di im­pe­di­mento a com­pa­rire in udienza?”

Vota Si chi vuole abrogare la legge

Vota Non chi vuole che la legge resti invariata

Affinché il Referendum sia valido deve recarsi al voto il 50% più 1 degli aventi diritto.

Il Referendum è lo strumento per poter esercitare la sovranità popolare; riconosciuta dal primo articola della nostra Costituzione. Purtroppo, noi italiani ce lo dimentichiamo spesso soprattutto dal 1997, da quando sono stati organizzati più di 24 Referendum, ma nessuno di loro ha raggiunto il Quorum.

Anche se saranno impegnati a Libri da Scoprire, tutti i membri dello Staff andranno a votare e tu?? 

A cura di Claretta

0 commenti:

Posta un commento

Lascia un commento!