Menu

Reader's Bench Menù PressDisclaimerReaders on tourLibri e...MagazineServiziRecensioniClickContattiChi Siamo Homepage

28 aprile 2011

I libri che ci hanno cambiato la vita | Così parlò Bellavista (Luciano De Crescenzo)

Un bambino di circa dieci anni si annoia. È pomeriggio, ha già finito i compiti, non vuole guardare la televisione e così gironzola per casa, finché non gli cadono gli occhi su un libro con una strana copertina. 

Quello che a prima vista può sembrare un fumetto, in realtà è un libro di sua madre, troppo occupata nelle faccende di casa per leggerlo: Così parlò Bellavista di Luciano De Crescenzo. 


Com'è strano questo libro! Non sembra narrativa, ma è anche diverso dai libri di scuola (l'unica “saggistica” che abbia mai visto). Parla di cose insolite, ma lo fa in modo estremamente divertente. “Che cos'è?” chiede quel bambino. “È filosofia.” risponde sua madre, cercando di spiegare cosa significhi.

Sono passati quasi vent'anni da questo episodio e se oggi quel bambino, ormai cresciutello, che si chiama Diego e che molti prendono in giro perché legge libri troppo complicati, si è appassionato di filosofia, non ha dubbi che il merito è stato proprio di questo libro.


Molti storcono il naso e dicono “De Crescenzo? Non è filosofia!”, ma, a parte il fatto che alcuni che lo affermano non hanno mai letto Socrate, Voltaire, Nietzsche o qualsiasi altro filosofo in vita loro, a me piace citare una metafora che lo stesso divulgatore usa per descrive i suoi libri: una scaletta, per raggiungere i tomi che stanno più in alto. 

E poi chi ha detto che un libro di filosofia, per essere un buon libro, debba essere noioso, accademico, ampolloso ed astruso? In Germania, la Storia della Filosofia di De Crescenzo è stata adottata come libro di testo nelle scuole, mentre noi siamo ancora con l'Abbagnano-Fornero! Se c'è una persona che mi ha insegnato che la Filosofia non è la filosofia che si studia a scuola, ma qualcosa di molto più affascinante e meno meccanico, è stato proprio il professor Gennaro Bellavista.

Gli ultimi due libri scritti da Luciano De Crescenzo, “Socrate e compagnia bella” ed “Ulisse era un figo” sono nati per un fine ben preciso, far appassionare alla filosofia ed alla mitologia il nipote dell'autore. Gli auguro di cuore di riuscire nel suo intento e, nel frattempo, sono lieto di fargli sapere che di sicuro vent'anni fa ha raggiunto questo obiettivo con me.

A cura di Diego

“Così parlò Bellavista” di Luciano De Crescenzo, Oscar Mondadori, 234 pagg, 9,00 euro

Voto 10/10

0 commenti:

Posta un commento

Lascia un commento!