Menu

Reader's Bench Menù PressDisclaimerReaders on tourLibri e...MagazineServiziRecensioniClickContattiChi Siamo Homepage

17 marzo 2011

150 Anniversario dell'Unità d'Italia| LA NASCITA DELLA LINGUA ITALIANA




Chiare, fresche et dolci acque,
ove le belle membra
pose colei che sola a me par donna;
gentil ramo ove piacque
(con sospir mi rimembra) 
(Francesco Petrarca, Chiare Fresche e Dolci Acque)

Amor può molto più che né voi né io possiamo. 
(IV giornata)  (Giovanni Boccaccio, Decameron)

Tanto gentilee tanto onesta pare
la donna mia quand'ella altrui saluta,
ch'ogne lingua deven tremando muta,
e li occhi no l'ardiscon di guardare.
(da Capitolo XXVI) (Dante Alighieri, Vita Nova)


Questi sono passi tratti da opere di poeti più importanti della letteratura italiana.

Li ho scelti per questo post per un semplice motivo, da loro si inizia a parlare di “lingua italiana”.

Siamo nel Medioevo, e dopo i fasti della Roma imperiale, l'Italia si ritrova divisa in tanti stati.

In questo periodo di divisione nasce il bisogno di unità, di identità nazionale che trova la sua genesi nella nascita della nostra lingua.

E' il mezzo migliore per comunicare da nord a sud, senza differenze di sesso, razza,età e regione.

Si sente parlare di voler introdurre il dialetto nelle scuole, penso che sia importante riscoprire la bellezza della nostra lingua, dei capolavori che ha creato e come essa sia il primo mezzo di unione tra noi italiani.

Perché è importante la nostra lingua?


 A cura di Claudio

Per approfondire:


"Breve storia della lingua italiana" di Silvia Morgana, Carocci, 142 pagg, 10.50 euro

















 "Dante" di Giampaolo Dossena, TEA, 340 pagg, 9.50 euro.  

Tutto sulla vita e l'opera del sommo poeta con lo stile incondibile di Dossena; di cui vi consigliamo anche la "Storia confidenziale della Letteratura Italiana".








0 commenti:

Posta un commento

Lascia un commento!