Menu

Reader's Bench Menù PressDisclaimerReaders on tourLibri e...MagazineServiziRecensioniClickContattiChi Siamo Homepage

13 settembre 2010

Recensione | LA FORESTA NERA (Franck Thrilliez)

Questo libro mi è stato regalato al compleanno da mio fratello. Io e lui appreziamo molto i thriller che hanno al centro della storia omicidi seriali e da questo libro mi aspettavo il giusto, ma non sono stato accontentato.

"Troppo" è la prima parola che mi suscita questo libro. Troppi incastri, troppe forzature e troppo crudo a volte. Sicuramente non è un libro totalmente da buttare via. E' scritto benino, con una trama accattivante in alcuni punti ed una storia contorta al punto giusto. Ma i suoi personaggi e alcune scelte dell'autore sono molto discutibili e ne forzano la riuscita finale.

Il Boia 125, personaggio al quale gira attorno la storia, è un serial killer classico, senza avere quello spunto stile "Hannibal Lecter" che resta impresso nella mente. I personaggi femminili della vicenda sono artefatti compleatemente. Arthur Dorfe, il magnate sulla sedia a rotelle ed il suo progetto, puzzano fin dall'inizio di pazzia, solo il protagonista può infilarsi con la sua famiglia in una situazione del genere. Insomma ogni scelta che porta avanti la trama tende ad essere una forzatura, ponendo i suoi personaggi davanti a delle scelte, che sfoceranno sempre in quella meno appropriata.

Il tutto si conclude con il climax finale, nel quale l'autore si arrampica sugli specchi per far incastrare il tutto.

C'è poco altro da aggiungere.

"Foresta Nera" è un thriller forzato, nel quale l'autore ha cercato di trovare espedienti per piacere al pubblico, senza riuscire però a rendere il tutto un minimo credibile.

"
Foresta Nera" di Franck Thrilliez, Ed Nord, 360 pag, prezzo 18,60 €


Voto: 2,5 / 10


0 commenti:

Posta un commento

Lascia un commento!