Menu

Reader's Bench Menù PressDisclaimerReaders on tourLibri e...MagazineServiziRecensioniClickContattiChi Siamo Homepage

11 marzo 2014

Una giornata da Reader: due passi con Herb Ritts a Roma


Se si vuole imparare a fotografare (non dico diventare fotografi, ma imparare a fotografare) sul serio, non si può prescindere dal conoscere chi ne sa più di noi. In fotografia ormai c'è ben poco da inventare e il più delle volte ci si limita a reinventare. 

Ovviamente, se si vuole prendere spunto, conviene farlo dai migliori, quindi per chi come me ama la ritrattistica, non si può prescindere dalla mostra “In piena luce” su Herb Ritts aperta in questo periodo a Roma, all'Auditorium – Parco della musica. Io ci sono stato domenica 09 Marzo e vi racconto la mia giornata da Reader con aspirazioni fotografiche!

Dato che questo B.I.R.G. lo dovevo comprare, ho deciso di spalmare bene l'investimento e convocare la mia amica Manu, recentemente entrata nello staff di RB come esperta d'arte. Laurea in Beni Culturali, tesserino da accompagnatrice turistica, appassionata di storia e arte e romana D.O.C.: se solo mi portasse in braccio, non potrei davvero chiedere accompagnatrice migliore per le mie passeggiate romane.


Dopo una mattinata in giro per la Città Eterna ed una vertenza sindacale da parte dei miei piedi che sono tutt'ora in agitazione e riscuotono la solidarietà di spalle e collo, con solo tre fermate di metro e quattro di tram, arriviamo a destinazione: ebbene sì, l'Auditorium è collegato moooooolto male!

Lì aspetto i miei amici del corso di fotografia, Andrea, l'insegnante, Francesca, Serena, Simona, Giulia, Alessandro, più alcuni amici, fidanzati, ecc. Perché la fotografia insieme si vive meglio, soprattutto se con persone che ne capiscono e che non se la tirano troppo. A buon intenditor...

Nella prima parte della mostra potrete trovare dei cenni biografici dell'autore. Nato nel 1952 e morto nel 2002, Ritts ha allestito la sua prima mostra nel 1985 e nel 1986 già Madonna lo ingaggiava per la copertina del suo disco: buoni natali e grande talento hanno spianato la strada a uno dei maestri del ritratto, pienamente inquadrato nello stile nichilista e minimalista degli anni Novanta.


Le foto sono stupende. Vorrei chiudere l'articolo qui, perché davvero qualsiasi altra cosa direi sarebbe superflua, ma non pretendo che vi fidiate della mia parola e allora aggiungere che molti degli scatti sono pur semplici nella concezione e nella realizzazione, eppure perfetti, come potevano esserli prima dell'avvento prepotente del digitale e di Photoshop & Co. Stampe curate nei minimi dettagli, anche nella scelta della carta. 

L'uso pressoché esclusivo della luce naturale fanno di Ritts uno dei miei fotografi preferiti. E non immaginate nemmeno quanti spunti, quante idee ci siano venuti in mente guardando solo una parte della produzione artistica di questo straordinario fotografo!

Ritts scatta prettamente su pellicola e sempre in bianco e nero, fotografia di moda, ma anche reportage dall'Africa. Alla mostra sono esposte stampe originali eseguite dal suo stampatore di fiducia e vi posso garantire che non è poco (andate a vedere la qualità delle foto alla mostra per i 125 anni del National Geographic e ne riparliamo)! Potrete ammirare foto a Sean Penn, Madonna, Charles Bukowski, Richard Gere, Mel Gibson, Julia Roberts, Tom Cruise, Jack Nicholson (mi offro volontario per farmi fotografare vestito e truccato da Joker!), David Bowie e Glenn Close e altri personaggi meno noti, ma non per questo le foto che li ritraggono sono meno interessanti.


Non manca una proiezione di alcuni passi dei video più famosi del fotografo americano, come quello della canzone Cherish di Madonna.

A fine visita non posso (vi giuro che ci ho provato, ma non ho davvero potuto) evitare di acquistare il catalogo e portarlo via con me. Una piccola reliquia!

Dopo la mostra, ci siamo anche concessi una breve visita al Maxxi, che sta proprio lì vicino, ma più che l'arte poté lo spritz. Il resto è il regionale per Minturno per tornare a casa.

A cura di Diego Rosato


Per approfondire


In piena luce di Herb Ritts, Contrasto, 196 pagg, 35,00 euro