Menu

Reader's Bench Menù PressDisclaimerReaders on tourLibri e...MagazineServiziRecensioniClickContattiChi Siamo Homepage

16 ottobre 2013

NON SMETTETE MAI DI DIRE CIO' CHE PENSATE | INTERVISTA A DON ALEMANNO

Don Alemanno impone la sua benedizione su colui che aveva perso la strada in tangeziale
Jenus è un fenomeno che è nato da poco ma che ha già un enorme successo (basta vedere la fila che si crea ogni volta davanti allo stand della Magic Press) e pensare che tutto si è propagato dal web e solo successivamente è approdato in un casa editrice che ha avuto il coraggio di puntare sul prete giusto, Don Alemanno



Il suo è un fumetto satirico che si scaglia contro i dogmi della chiesa cattolica con cognizione di causa e senza scadere nel ridicolo o nella volgarità fine a sé stessa.

Don Alemanno si è accomodato sulla panchina e dopo questa intervista non siamo più gli stessi, potete crederci!



I primi due numeri di Jenus, bottino dell'ultimo Romics
Buongiorno Maestro! Innanzitutto, volete presentarVi e spiegare in parole povere chi è Jenus, per quei pochi stolti che ancora non lo conoscono?
Io sono Don Alemanno, un prete alternativo: molesto gli altri sacerdoti e poi li faccio trasferire di diocesi. Jenus è il parto della mia immaginazione, resa carne nelle sembianze di uno smemorato Messia. La storia racconta della seconda venuta di Cristo sulla Terra, sotto richiesta del Padre, nel tentativo di espiare i peccati del mondo. Ma nel cadere in picchiata dal Regno dei Cieli, Dio gli dà forma umana troppo presto facendolo sfracellare al suolo.  Da quel momento il protagonista, preda di amnesia, vaga sulla Terra depositario di tutte le risposte, ma non se le ricorda.

Come è nato Jenus, e quando? Il Vostro stile è frutto di anni di studio, o è puro Talento Divino (leggi "botta di culo clamorosa")? Ci sono autori o fumetti particolari a cui Vi ispirate? Chi sono i Vostri miti? Chi invece non sopportate?
E' nato il 7 Febbraio del 2012, a seguito di un incontro. Mi trovavo un giorno nella locanda “La Rustichella”, nei pressi di Santa Maria delle Grazie. Mentre sorseggiavo dell'ottimo vino della casa, un anziano uomo dal volto stanco e i lobi delle orecchie caduchi, mi passò accanto tenendo per mano un fanciullo. Questo fanciullo mi guardò, e socchiudendo leggermente l'occhio sinistro, emise un forte peto. Da lì nacque tutto.
Non avendo mai fatto scuole di fumetto o affini, e non avendo alcuna nozione delle tecniche di disegno necessarie per operare in questo campo, feci come fa una fanciulla alla sua prima camporella: improvvisai.
I miei miti sono Akira Toriyama e Gianni Morandi. Peccato che il primo non sia coprofago. Tra coloro che odio c'è certamente colui che consiglia le sceneggiature a Rumiko Takashi, non si capisce una mazza di cosa sta succedendo.

Jenus è un fumetto che divide: chi lo apprezzerà? E chi invece lo odierà a morte? Don Alemanno contro chi (o cosa) si scaglia? E perché? 
Don Alemanno non si scaglia contro nessuno in particolare, cioè non contro delle persone. Ma contro un “sistema” che ci ha lobotomizzati e portati a credere che alcuni argomenti siano intoccabili e di fronte ai dogmi non ci si possa porre delle sacrosante domande. Notare che ho detto “sacre” e “sante”, quindi un po' sono lobotomizzato anch'io. Che palle.
Ad odiarlo sono e continueranno ad essere i catto-bigotti, una razza che molti pensavano in via d'estinzione ma che io e il mio team di esperti stanatori abbiamo dimostrato essere viva e vegeta. Si riproducono e invadono l'ambiente, vanno fermati.


Don Alemanno all'ultimo Romics, fischietta e firma dediche
Personalmente, credo che Jenus sia stata la vera Rivelazione di Cartoomics 2013. Oltre a ricevere la Benedizione, abbiamo avuto modo di acquistare il fatidico "Numero zero" e di ammirare tutta una serie di gadget a dir poco stupendi: magliette, poster, spille, un cartonato meraviglioso (purtroppo non in vendita, accidenti)… ci sono altre manifestazioni in cui potremo ammirare i miracoli di Jenus? 
Jenus sarà ovunque, arriverà un giorno in cui girandovi di soprassalto sentirete un forte prurito proprio là dietro. Lì ci sarò io, a porgervi la mia ultima invenzione, la “suppostia”, l'ostia che non si attacca al lavoro del vostro dentista.
Sarò, anzi saremo presenti in tutte le principali fiere d'Italia, dal Lucca Comics al Romics, al Cartoomics e al Comicon di Napoli, insomma non ne mancheremo neppure una. Ad accompagnarmi ci saranno ovviamente i fedelissimi Angius e Dexter!

Uno sguardo al mondo del fumetto odierno... immagino non sia per nulla facile muoversi in questo ambiente: Voi come fate? Avete qualche segreto in particolare? Qualche consiglio a chi volesse intraprendere un percorso simile al Vostro? 
Se vi dessi un consiglio poi dovrei ammazzarvi. E vi dirò, questa idea mi solletica alquanto. Per ora ciò che posso dirvi è: non abbiate mai paura di dire ciò che pensate. Il giorno che smetterete di farlo, le persone se ne accorgeranno, e sarà la fine dei giochi. Siate voi stessi un mezzo per far esprimere alla gente ciò che per fortuna o per merito non son mai riusciti ad esprimere. Non saranno più solo vostre idee, ma saranno le idee di una comunità.
Che palle 'ste risposte serie, mado' !!!

Potete lasciarci una perla di saggezza? O una piccola pillola di Jenus? 
Pillole manco a parlarne che a malapena ultimamente riesco a disegnare ciò che mi detta l'estro. Ma in quanto a perle di saggezza vi posso regalare le parole che mi disse mio nonno prima di partire per l'Afghanistan, mentre saliva gli scalini dell'elicottero: “Non ci credo, ho schiacciato una merda”. Penso che l'insegnamento sia evidente.

Grazie mille per la disponibilità! 
Vi manderò il conto.

A cura di Mattia Galliani, autore e sceneggiatore di Gino il Vermino, tutte le settimane su RB. Seguitelo su Facebook e Twitter.




Jenus di Nazareth by Don Alemanno, Magic Press, 96 pagg, 5 euro

Il secondo appuntamento con le avventure di Jenus è in vendita da qualche settimana e già occupa i primi posti delle classifiche.





1 commenti:

Posta un commento

Lascia un commento!