Menu

Reader's Bench Menù PressDisclaimerReaders on tourLibri e...MagazineServiziRecensioniClickContattiChi Siamo Homepage

31 ottobre 2013

DI CHE MORTE VUOI MORIRE?


Nella nostra società il suicidio è considerato il sintomo o la conseguenza di una malattia mentale, forse perché la “normalità” la decide la maggioranza e la maggioranza non vuole suicidarsi. Ma, se invece non fosse così e la legge consentisse a chi proprio non volesse più vivere di farla finita, come si dovrebbe organizzare la cosa? Un aspirante suicida come potrebbe fare per togliersi la vita nel modo migliore? Maria Antonietta Usardi ipotizza la nascita di attività commerciali dedicate, con tanto di consulenti qualificati e specialità esotiche.

Nella Milano dei nostri giorni una coppia con due figli, più lugubri della famiglia Addams, con l'aggiunta di una nichilistica sfiducia per la vita e le sue sofferenze, gestisce un piccolo negozio specializzato in suicidi. Considerata l'impossibilità di fidelizzare i clienti, l'attività va piuttosto bene, finché non arriva in famiglia un nipotino che proprio non lo vuole capire che la vita è solo una dolorosa e sofferta attesa della morte e con i suoi buoni sentimenti metterà scompiglio nella vita e nell'attività commerciale della molto poco allegra famigliola.

L'idea è ciò che più mi ha colpito del libro. Nel nostro Paese argomenti come eutanasia e suicidio sono sempre un tabù ed il solo parlare, anche solo in un tono ironico e scanzonato, è già un passo avanti. Il meccanismo di per sé è quello supercollaudato della commedia: si prende un contesto e vi si inserisce dentro un elemento completamente fuori luogo. Tuttavia è il contesto ad essere la trovata originale: non un elemento lugubre in un contesto normale, ma un elemento normale in un costesto lugubre. Magari non ancora originalissimo, ma quantomeno insolito.

Quello che manca è un pizzico di estro, di dissacrante, di politicamente scorretto. Il libro è pervaso da un macabro umorismo un po' troppo buonista, come se l'autrice avesse pronto un colpo in canna, ma non osasse spararlo. Un Palahniuk, un Hornby, un Moore, mostri sacri del genere, ci vanno giù pesante ed è per questo che fanno ridere.

Senza questo pizzico di cinismo letterario, il romanzo resta una gradevole favola dalla morale scontata sulla lotta tra le delusioni e l'intrinseca gioia della vita, una storia che, lo ripeto, è tutt'altro che mal congegnata, ma non sfruttata a pieno.

A cura di Diego Rosato


Morire dal ridere di Maria Antonietta Usardi, 0111 Edizioni, 120 pagg, 13,50 euro (8,99 euro in ebook)



Voto 6,5/10




1 commenti:

phoebe guo ha detto...

Due to sending in those offer, You are investing in buy this realisation brand from the vendor if you're the earning prospective buyer. You read and sign the worldwide transportation structure affiliate agreement unwraps in any pickup's wind shield also known as loss. Transfer costs by now quotation probably have become controlled by change if you ever speed up you uttermost place a bet little..

If the house is Camisetas De Futbol Baratas always went back following a established time it Maglie Poco Prezzo will undergo a 20% re selling commission rate aka refusal. For Coach Outlet Online Store something to qualify for head back or replace, The system had to be inside one of a kind overall disease utilizing manuel neuer trikot rot the labels it maillot de foot personnalise entered. hummel trikots In cases where the taken back service supplying is divided or is devoid of you should we will resultados de futbol see a Restocking charge all the way to 20%.

By - applying your personal quote, You are investing maillot de foot pas cher in buy here food from the owner if you are the succeeding prospective buyer. You read maillot foot 2018 and accept the world shipping and delivery company conditions starts advertising in a meaningful door and bill. Significance allegations earlier amazon müller trikot in this article cited have been controlled by change inside event you improve you greatest tender value.

Posta un commento

Lascia un commento!