Menu

Reader's Bench Menù PressDisclaimerReaders on tourLibri e...MagazineServiziRecensioniClickContattiChi Siamo Homepage

21 settembre 2013

SONO UN TERRESTRE CHE FA FUMETTI | INTERVISTA A DAVIDE LA ROSA



Oggi intervistiamo un personaggio abbastanza noto al popolo di internet: Davide La Rosa. Blogger, fumettista, sceneggiatore a tutto tondo, Davide è autore -tra le altre cose- della miniserie Suore Ninja, edita da Star Comics, e dell'esilarante volume La Bibbia 2

Attualmente sta per vedere la luce una sua autoproduzione, incentrata sulle strambe e divertenti avventure del detective Smullo. Le sue vignette non risparmiano nulla e nessuno: personaggi del calibro di Fabrizio Frizzi, Luciana Littizzetto, Dio, Adam Kadmon, Padre Pio, convivono tutti nelle strampalate e geniali storie ideate da Davide La Rosa, uno dei fiori all'occhiello del fumetto "nonsense" e satirico made in Italy . Ma conosciamolo meglio...


Ciao Davide! Innanzitutto, grazie per la disponibilità. Comincerei subito con una domanda a bruciapelo: in poche parole, chi è Davide La Rosa? E Mulholland Dave allora? E Lario 3? Che gran mal di testa…!

Ehi ciao, grazie a voi. Vuoi un'aspirina? Chi sono? Sono un terrestre del genere Homo sapiens che fa fumetti e che morirà di mercoledì... 

Noi ti conosciamo soprattutto per il tuo blog (http://lario3.blogspot.it) e per la recente pubblicazione di Suore Ninja. Ti va di raccontarci brevemente di queste esperienze e della loro nascita? (Ho sostituito "nascita" a "genesi" in segno di protesta verso il noto gruppo musicale che non mi ha mai voluto rilasciare interviste, ndM)

A me piacciono le canzoni di Samuele Bersani... Detto questo. Il blog nasce nel 2005... e nasce dal fatto che nessuno voleva disegnare le sceneggiature che scrivevo (sarei uno sceneggiatore io)... allora ho iniziato a disegnarle, male, io. Faccio anche parte del gruppo “Fumetti Disegnati Male”. Ho passato innumerevoli anni nell'ambito autoproduzione (dal 2002)... un giorno scopro i disegni di Vanessa e le chiedo se vuole collaborare per alcuni progetti. Tra questi c'era “Zombie gay in Vaticano”... lo portammo a Lucca e vendemmo tutte le 840 copie nel giro di tre giorni... così Giuseppe Di Bernardo, editor della Star Comics, mi chiese di provare a creare una serie partendo da quel volume... all'interno di esso c'erano queste suore ninja, una task force di difesa del Vaticano dai mostri, che si sposavano bene con l'idea di un seriale... e così è nata questa serie. 

Come crei i tuoi personaggi? E come scegli invece quelli da parodiare? 
Vado a caso... improvviso. 


Detto ciò, ti senti più disegnatore o autore? O artista? O libero pensatore? O astronauta? 
Mi sento fromboliere (qualunque cosa significhi)... comunque tra quelle che hai detto tu direi che mi sento di più autore. 

Secondo un tizio che l'ha saputo da un altro tizio che l'ha sentito da sua nipote che l'ha letto su "Cioè", tu saresti anche l'autore de La Bibbia 2, insieme a un certo Pierz… è la verità? Anzi, è la Verità? Da dove è nata l'idea di dare un seguito al Libro dei Libri? Non hai paura che la gente dica "Bello, ma ho preferito il primo"? 

Sì, sì è la verità... “Cioè” non sbaglia un colpo. Volevamo fare un lavoro assieme, io e Pierz, e così iniziammo a buttare giù delle idee... a un certo punto gli dissi “Ma perché non facciamo La Bibbia2? Voglio dire, sono 2000 anni che la gente vuole leggerne il seguito”... e così l'abbiamo fatta... è scritta e disegnata a 4 mani... sia io che lui l'abbiamo scritta e disegnata... è stato molto divertente e, anche lì, abbiamo improvvisato molto. Ci mandavamo le vignette e facevamo il botta e risposta tra i nostri personaggi.

In questi giorni stai pubblicizzando un altro lavoro, un albo sul Detective Smullo. Di che si tratta precisamente? Chi è Smullo, e perché si chiama così? Dobbiamo preoccuparci? Te lo chiedo perché i Maya mi stanno guardando male… 

I Maya devono solo tacere: hanno reso ricco Giacobbo. Il Detective Smullo è un personaggio nato sul blog, anche lui, per caso nel 2008... volevo fare un giallo e creai quel personaggio con il primo nome che mi venne in mente. È un detective strampalato e risolve tutti i casi arrestando se stesso (trovando sempre la giustificazione a tale arresto). L'ho sempre disegnato io. Poi un giorno è arrivato questo ragazzo che si chiama Fabrizio Di Nicola (detto Pluc) e mi ha detto che voleva fare una sua reinterpretazione del personaggio. Lui sa disegnare (e pure molto bene) ed è riuscito a dare una sua personale impronta al personaggio senza snaturarlo... ha capito perfettamente la natura del personaggio. Io sono rimasto stupefatto da questa cosa... non è facile... non è facile per niente. Così è nato questo libro che è autoprodotto... per le grafiche ci hanno dato una mano (ma anche più di una) due esperti grafici: Stefano Antonucci e Marco Petrucci.


Abbiamo notato la tua nomination come "mister internet" ai Macchia Nera Awards 2013… cosa ne pensi? Ti fa sentire prossimo al delirio di onnipotenza, oppure la cosa ti lascia indifferente? 

Se vinco porto la pace nel Mondo.

Ti sei mai trovato col foglio bianco davanti agli occhi, senza la più pallida idea di cosa farci? Hai mai avuto il classico blocco dello scrittore? E se sì, come l'hai superato?

Io vivo momenti di sconforto ciclici... penso sempre di mollare... poi mi rendo conto che fare i fumetti è l'unica cosa che so fare, mi faccio violenza e ricomincio a farlo.

Per concludere, c'è una domanda in particolare che vorresti sentirti rivolgere, ma che per qualche motivo nessuno ti ha mai fatto? Se sì, qual è questa domanda? E la risposta?

Passa di qui l'uno barrato? Sì.

Grazie del tuo tempo, è stato un immenso piacere poterti intervistare! In bocca al lupo per tutto :-)

Già finito? Uffi, mi stavo divertendo. Grazie a voi... è stato un piacere!

A cura di Mattia Galliani

Ringraziamo Davide La Rosa per la disponibilità. Visitate il suo blog (in lizza, proprio in questi giorni, per il Macchia Nera Awards), la pagina Facebook e il sito dedicato al Detective Smullo.











0 commenti:

Posta un commento

Lascia un commento!