Menu

Reader's Bench Menù PressDisclaimerReaders on tourLibri e...MagazineServiziRecensioniClickContattiChi Siamo Homepage

22 maggio 2013

LEZIONE DI FISICA



Al Salone del Libro di Torino quest'anno ho fatto un incontro straordinario: ho infatti avuto modo di conoscere la Fisica, quella con la F maiuscola, quella che lascia senza parole, quella che più è incredibile e più affascina.

Il prof. Luciano Maiani, già presidente dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, direttore generale del CERN di Ginevra e presidente del CNR (nonostante l'opposizione di qualche politicante da quattro soldi), nonché docente emerito di fisica teorica all'Università di Roma “La Sapienza”, ripercorre a grandi linee le tappe della fisica moderna, a partire dalle teorie della relatività speciale e del moto browniano, fino ai giorni nostri, arricchendo il racconto con la storia del CERN di Ginevra e qualche aneddoto sulla vita da fisico teorico.


Pacato, tranquillo, con un linguaggio sempre forbito, ma mai astruso, il professore sanmarinese  spiega con la maggior semplicità possibile argomenti tutt'altro che semplici, come la differenza tra le varie tipologie di acceleratori, sul perché della loro necessità e sulla natura del bosone di Higgs, non disdegnando una piccola frecciatina, tanto leggera da non poter nemmeno essere considerata sarcastica, alle cassandre che preannunciavano la distruzione dell'Universo causata da un buco nero creato dall'acceleratore di adroni.

Dopo una disquisizione tra le migliori che mi sia capitata di sentire (peccato solo che il tempo a disposizione fosse poco), il professore non ha mancato di rispondere alle domande dei presenti, schivando un momento di possibile imbarazzo: quando un'astante ha chiesto se, essendo il campo di Higgs a tenere insieme la materia, fosse tale campo e non il bosone ad essere Dio, il professore ha semplicemente chiesto che gli fosse posta un'altra domanda. Io ho dovuto faticare non poco per non alzare la mano e chiedere se avesse bisogno di un informatico.


Al termine delle domande, nonostante gli impegni, il professore è stato così gentile da autografare a chiunque volesse una copia del suo ultimo libro e, se anche ha datato tutte le dediche 17/05/2013, nessuno ha avuto il coraggio di dirgli che i nostri orologi segnavano il giorno 18, perché se il direttore del CERN dice che oggi è 17, oggi è 17!

Una gran bella presentazione, che ha risvegliato la mia mai sopita passione per la fisica e mi ha dato la possibilità di scambiare qualche parola con una delle menti più brillanti della storia italiana: magari molti non sanno chi sia, ma per un nerd come me, è meglio di Jim Morrison!

A cura di Diego Rosato

Per approfondire


A caccia del bosone di Higgs di Luciano Maiani e Romeo Bassoli, Mondadori Education, 208 pagg, 17,00 euro




0 commenti:

Posta un commento

Lascia un commento!