Menu

Reader's Bench Menù PressDisclaimerReaders on tourLibri e...MagazineServiziRecensioniClickContattiChi Siamo Homepage

21 marzo 2013

POESIE PER CHI VIAGGIA E NON SCENDE MAI



Marta lo dice subito: i suoi sono «pensieri», «alla mercè di altrui opinioni». I versi timidi di questa poetessa  “di origine umbro-veneta” sono però “una scrittura femminile, rosso scuro”, secondo Valentina Stangherlin, perché ricordano il libro di Franz Werfel, “Una scrittura femminile azzurro pallido” e «Alda Merini, nel disincanto». 

A me Marta Mentasti sembra semplicemente lei, che tu la guardi e pensi debba scrivere per forza qualcosa, la sua mano deve posarsi di tanto in tanto su qualche foglio/a sparso/a. Leggeva in un locale romano “Cala Violina”, facendomi conoscere quel posto incantato, quella «saggezza d’oro e istinto d’argento» il cui il vento, al tramonto, soffia sulla sabbia producendo un suono come di violini. Oggi mi annuncia: «Scendo alla prossima». E invece no, non scende mai. I poeti sono persone strane, eh: fidatevi di loro. Fidatevi dell’amore appassionato che possono donare: «Sì, sono sicura,/scelgo te,/ te che non esisti». 

Marta descrive la natura, la natura di se stessa, magari delle donne. Come “Fiori del bosco” «Si fanno foglie,/tronchi,/ muschi,/ coralli,/ per avere un po’ di quiete». Una poesia intrisa di elementi naturali che mi ricorda i versi della giovane ed apprezzata Serena Maffia. Dopo molteplici tentativi ed errori la Mentasti ha provato a tracciare una linea, mettere un punto. Vabbè, insomma, va bene anche una virgola.

All’amore non c’è mai fine, per dipingerlo (oltre alle foto di Andrea Tappo) basterebbe “Solo un sasso”: «Così come supponevo accadesse nell’amore,/ in cui ci si sfiora,/ poi ci si accarezza/ e a volte si rotola insieme». Da moderna Biancaneve del verso scrive: «Faccio bucato del mio corpo,/ con un grande pezzo di sapone mi struscio il viso/ davanti allo specchio./ (…) E ritorno candida,/ come una bambina». Rimani pure così, Marta. Crescere ed amare ancora sarà naturale.

A cura di Simone di Biasio


Scendo alla prossima di M. Mentasti, L'autore Libri Firenze, 63 pagg, 7.90 euro






0 commenti:

Posta un commento

Lascia un commento!