Menu

Reader's Bench Menù PressDisclaimerReaders on tourLibri e...MagazineServiziRecensioniClickContattiChi Siamo Homepage

19 marzo 2013

IL MERAVIGLIOSO MAGO DI OZ

Il meraviglioso mago di Oz (The Wonderful Wizard of Oz1900) è un celebre romanzo per ragazzi di L. Frak Baumillustrato da W.W. Denslow.

Il meraviglioso mago di Oz, come tanti altri grandi romanzi per ragazzi, ha ispirato e continuerà ad ispirare numerose rielaborazioni e rappresentazioni cinematografiche; la più recente è Il grande e potente Oz del regista Sam Raimi. 

Il romanzo, scritto dall’autore statunitense Lyman Frak Baum e pubblicato nel 1900, è il primo e più famoso racconto della serie ambientata nella fantastica terra di Oz ed ha per protagonista la coraggiosa Dorothy.

Dorothy è una bambina americana che vive con gli zii e il suo amato cagnolino Toto in una fattoria del Kansas. Un giorno, un potente ciclone spazza via Dorothy e Toto e li fa atterrare insieme alla loro casa nella terra di Oz, schiacciando, al momento dell’atterraggio, la Strega Cattiva dell’Est. La bambina, spaventata per l’accaduto, viene raggiunta dalla Strega Buona del Nord che invece desidera ringraziarla e le regala le magiche scarpette d’argento (non rosse come quelle che calza Judy Garland nel film del 1939!) appartenute alla Strega Cattiva. Parlando con la Strega Buona, Dorothy esprime il desiderio di poter tornare a casa dagli zii. La Strega Buona del Nord spiega allora che dovrà recarsi alla Città di Smeraldo seguendo la lunga strada lastricata di mattoni gialli per rivolgersi al potente Mago di Oz, il sovrano di quella terra dotato di poteri straordinari in grado di esaudire qualsiasi desiderio.

Senza esitazioni Dorothy si mette in cammino e nel suo viaggio incontra un leone, uno spaventapasseri e un boscaiolo di latta che diventano subito suoi amici. Questi tre personaggi sono meno intraprendenti di Dorothy e sentono tutti il bisogno di qualcosa che li completi e li migliori: il leone desidera diventare coraggioso; lo spaventapasseri desidera un cervello, perché sa che la sua testa è imbottita di paglia e per questo non si sente in grado di fare dei ragionamenti intelligenti; il boscaiolo di latta invece desidera un cuore per poter finalmente provare dei sentimenti. Una volta aiutati questi personaggi in un momento di difficoltà, Dorothy li convince a seguirla nella sua ricerca del Mago di Oz, per chiedergli di realizzare i loro desideri. La strada che porta alla Città di Smeraldo è però piena di pericoli e nemici e anche il mago metterà alla prova Dorothy e i suoi compagni prima di concedere il suo aiuto. 

Il romanzo è pensato per i più piccoli ma l’interpretazione in chiave politico-allegorica, con Dorothy che rappresenta i valori fondanti dello spirito USA, sono certamente fruibili solo da un pubblico adulto. Al di là di qualsiasi rilettura, ciò che amo di più del mago di Oz e trovo molto bello come insegnamento ai più piccoli è la modalità con cui vengono accontentati gli amici di Dorothy. 

Una volta sconfitta la Strega Cattiva dell’Ovest come ordinato dal Mago, Dorothy e i suoi amici pretendono l’aiuto del sovrano che però si rivela solo un imbroglione privo di grandi poteri, se non quello della parola e della persuasione. Grazie al suo atteggiamento sicuro e a dei sapienti trucchi, il Mago riesce a fornire un cervello fatto di spilli allo spaventapasseri, un cuore di stoffa al boscaiolo e riesce anche a infondere coraggio nel leone con una pozione. 

In realtà, il Mago non compie alcun gesto miracoloso, se non quello di trasmettere sicurezza in se stessi e di risvegliare le buone qualità che già abitano nell’animo dei tre personaggi. Baum, forse celebrando le virtù della sua patria, ha voluto insegnare ai suoi lettori quanto sia importante credere nelle proprie capacità per migliorare e per ottenere ciò che si desidera per la propria felicità.

A cura di Chiara Silva


Letture consigliate:


Baum, Lyman Frak: Il meraviglioso mago di Oz. Mondadori 2012, 205 pagine, 9,50 €

Ascolti consigliati:

Follow the yellow brick road, You’re off to see the wizard e Over the rainbow tratte dal film del 1939










1 commenti:

Chiara ha detto...

Uno dei miei libri preferiti in assoluto!

Posta un commento

Lascia un commento!