Menu

Reader's Bench Menù PressDisclaimerReaders on tourLibri e...MagazineServiziRecensioniClickContattiChi Siamo Homepage

19 dicembre 2012

LOST IN AUSTEN


Quante volte, sfogliando le pagine della nostra Austen, ci siamo ritrovate completamente perse, tanto da non capire nemmeno dove ci trovavamo e renderci conto, solo alla fine, di essere diventate uno dei personaggi delle sue storie.

LE ULTIME 5 ORE


Pensavo che la profezia Maya, che fissa la fine del mondo per  il 21\12\2012, avrebbe stimolato nel corso di quest'anno una maggior produzione di narrativa e filmografia catastrofista. 

Fortunatamente siamo stati abbastanza risparmiati e questa interpretazione di Coupland è anche piacevolmente sui generis. Nessun asteroide, diluvio o guerra atomica: semplicemente il prezzo del petrolio schizza in pochi minuti a 900$ il barile. Il modello di Hubbert è dimostrato e le analisi che facevano cadere il picco nel secondo decennio del XXI secolo avevano ragione. 

La voce narrante di Giocatore Uno osserva dall'esterno, come un Deus ex machina, gli effetti della fine del nostro fragile mondo su quattro persone, quattro estranei, che per combinazione si trovano insieme nella sala da cocktail del Toronto Airport Camelot Hotel.

Karen è una divorziata quarant'enne, con una figlia adolescente in fase Emo. Lavora come segretaria nello studio di tre psichiatri  ed è appena sbarcata da un volo di 2.500 km compiuto per venire  a conoscere Warren, un potenziale  nuovo amore conosciuto in chat su internet.

Rick è il barista, ha 37 anni e tanto per cambiare è divorziato. È finito dietro al bancone di un bar per un problema di alcolismo, ma ha un sogno che, nelle sue intenzioni, dovrebbe concretizzarsi proprio quel giorno. Oggi infatti incontrerà il guru del movimento Programma Potenza Dinamica e in cambio di un assegno di 8.500$, avrà finalmente accesso al segreto che trasformerà la sua miserevole vita in una di successo. Finalmente avrà tutto ciò che serve: potenza, controllo, soldi, amicizia, amore!

Luke agli occhi di Rick e Karen è una via di mezzo tra William Hurt e Gerard Depardieu, in poche parole un rottame umano. In realtà è un pastore della Chiesa della Nuova Fede che proprio il giorno prima ha perso la fede. Ha quindi svuotato il conto corrente della congregazione e con i 20.000$ in tasca si è imbarcato sul primo aereo diretto verso una nuova vita. Per ora si sta limitando a ubriacarsi di scotch, ma il contante che possiede, e di cui non fa mistero, lo fa sentire sicuro, perchè è il denaro che ci distingue da tutti gli altri esseri dell'universo.

Rachel è una bionda diciannovenne, con il fisico da top model e un vestito di Chanel da 3.500$. È seduta alla postazione internet e beve solo Ginger Ale. Nessuno ancora lo sa, ma Rachel soffre di  malformazioni all'amigdala, la parte del cervello che gestisce le emozioni. Alcuni suoi comportamenti sono analoghi a quelli degli autistici, inoltre non ha il senso dell'umorismo, non capisce le metafore e fa fatica a distinguere le persone in base alla fisionomia o la tono di voce. Lei stessa parla senza intonazioni, come un automa. Nella vita alleva cavie da laboratorio, ma si trova nella sala cocktail dell'aeroporto con una missione ben più importante: deve generare dei figli per dimostrare al mondo, ed in particolare al padre, di valere come essere umano. 

Poi la televisione improvvisamente annuncia: il petrolio è salito a 250$ il barile ed è in continua ascesa. In poco tempo raggiunge i 900$, è la fine del nostro mondo. I trasporti vengono sospesi, il denaro non vale più niente, la massa impazzisce. Salta la corrente, la televisione, internet. Non funzionano più i telefoni, né fissi né mobili. 

I quattro sono costretti a barricarsi nel bar, per proteggersi da un cecchino pazzo e da una non meglio identificata nube tossica che si staglia all'orizzonte. Nelle successive quattro ore saranno costretti a convivere, collaborare, improvvisare per garantirsi la sopravvivenza. È stato angosciante cercare di immedesimarsi nella situazione. Lontano da casa, senza poter comunicare, senza sapere con esattezza cosa sta succedendo, quanto durerà … Privati di tutte quelle cose banali, che ormai diamo talmente per scontato che nemmeno ci chiediamo più da dove vengano, come l'acqua potabile o la luce. Come rileva l'autore nel glossario postfazione la sofisticazione tecnologia è relativa: Probabilmente nell'XI secolo chi metteva dei gradini davanti alla porta del suo tugurio veniva sfottuto come maniaco della tecnologia.

La conclusione tuttavia è più che positiva. Un sovvertimento dell'ordine costituito non necessariamente è negativo. Per come la interpreta Coupland la fine del mondo potrebbe corrispondere all'inizio di un mondo migliore.

A cura di Claudia Peduzzi


Le ultime 5 ore di Douglas Coupland, Isbn Edizioni, 279 pagg, 15.90 euro, in formato e-book a 6.29 euro.




18 dicembre 2012

LA FABBRICA DEI LIBRI



Il romanzo non è morto, già si sa, è più vivo e diffuso che mai. In letargo (non muore niente in letteratura) forse è piombato lo sperimentalismo, il laboratorio dove venivano affinate tecniche narrative e possibilità linguistiche, il luogo del dibattito e della ricerca dove tanti intellettuali del novecento hanno avuto modo di formarsi e di esprimersi. 

UNA GIORNATA DA READER: UN FOTOGRAFO DISARMATO



Disclaimer: questo articolo sarà privo di foto per prigrizia cronica dell'autore.

17 dicembre 2012

READER'S BENCH: SPECIALE NATALE 2012


Readers,
finalmente il nostro Speciale Natale 2012 é on line. La guida per tutti i vostri regali, uno speciale di più di 60 pagine vi aspetta con tutti i suggerimenti che stavate cercando.

15 dicembre 2012

IL NUOVO LETTORE EBOOK SONY: READER PRS-T2

Il nuovo Reader Sony PRS-T2 nelle tre colorazioni disponibili

Sony lancia un nuovo lettore ebook: il Reader PRS-T2. Un nuovo dispositivo che promette, in soli 164 grammi, di contenere la nostra passione per la lettura.

INTERVISTA ALLA MAGNA DIRETTRICE

La caricatura é opera del nostro Mattia Galliani.

La nostra Magna Direttrice, Clara Raimondi, é stata intervistata da quelli di Libreriamo. Evidentemente erano a corto di argomenti oppure volevano saperne di più sulla panchina del lettore o in generale sui blog letterari.

LA COVER DELLO SPECIALE NATALE 2012


Dopo avervi tenuto un pò sulle spine, siamo qui per annunciarvi la data di uscita del nostro numero speciale interamente dedicato al natale. Se tutto andrà bene avrete tra le mani il vostro magazine lunedì 17 dicembre.

14 dicembre 2012

SPUDORATI CONSIGLI PER GLI ACQUISTI NATALIZI



A me piacciono le ambientazioni. Un romanzo fantasy deve avere senz'altro una trama avvincente, possibilmente intricata e piena di colpi di scena; e dei buoni personaggi, di spessore, che rimangano impressi nella mente del lettore. Quello che però conta ancora di più, almeno secondo me, è una bella ambientazione, fondamentale per delle storie che si svolgono in mondi creati dal nulla. Mi baserò su questo punto per dare qualche altro consiglio per gli acquisti natalizi e per scongiurare regali sbagliati.

EINAUDI: L'ARTE DI PUBBLICARE



A fine novembre è stata inaugurata a Milano presso Palazzo Reale la mostra dedicata a Giulio Einaudi e alla storia della sua casa editrice.“L’arte di pubblicare” bel titolo, mi sono detta, intrigante, è sicuramente da visitare, poi la Magna Direttrice mi manda l’invito per partecipare all’inaugurazione (i vantaggi di essere Reader!) e colgo l’occasione al volo, esco dall’ufficio e mi dirigo in centro.

WRITERS #0: INTERVISTA A VALENTINA APONTE


Qualche settimana fa siamo stati a Writers, il festival letterario organizzato all'interno dei Frigoriferi Milanesi. Una scommessa azzardata ma, direi, riuscita perché ha avuto il merito non solo di mettere a confronto autori e lettori ma soprattutto quello di aver dato voce agli esordienti e a tantissime forme di comunicazione e tra le tante c'eravamo anche noi dei blog letterari.

Valentina Aponte é stata l'ideatrice della manifestazione insieme a Francesco Cataluccio, il responsabile degli eventi culturali dei Frigoriferi Milanesi.

Valentina é stata così gentile da accettare una nostra intervista, durante la quale abbiamo scoperto come é nato il festival e soprattutto il futuro della manifestazione.

Ringraziamo l'organizzazione di Writers e vi auguriamo buona visione! (scegliete l'opzione HD per vederci meglio!)




13 dicembre 2012

MANDORLE AMARE


Incontri, seminari, tavole rotonde sembra che a Più libri, più liberi non ci sia nient'altro. Ma a ben vedere c'é una selezioni di interessanti presentazioni e io di certo non posso perdere quella con Laurence Cossé.

IL TEMPO E' UN DIO BREVE



“Pierre ha pagato il suo nome. Una roccia da portare con sé. Pierre è mio marito. Per lui io sono qui. È la luce. La luce non può essere nascosta. Per questo io racconto. Per condividere la luce”.

12 dicembre 2012

L'IMPORTANZA DI ESSERE INDIPENDENTE


A Più Libri Più liberi, si parla di editoria, di indipendenza e di come sta cambiando il mercato editoriale con l’avvento degli eBook.
Andrea Cortellesa, moderatore dell’incontro, presenta Fabio Masi, libraio di Ventotene, Fabrizio Venerandi della casa editrice Quinta di copertina, Angelo Libero Carbone della casa editrice Duepunti Edizioni e Marco De Rossi, fondatore di Oil Project, sito dove ci sono delle lezioni completamente gratuite.

DARWINBOOKS


Quello con Il Mulino e Andrea Angiolini é l'ultimo incontro di Anche questo é un libro. La casa editrice é qui per presentare i suoi Darwinbooks, davvero molto più che semplici e-books.

STORIE BREVI: LEGGERE SUL NOSTRO SMARTPHONE


All'interno del seminario organizzato dall'Aie, subito dopo Elastico e e sue applicazioni per bambini, trova spazio anche una nuova, interessante, iniziativa targata: gruppo editoriale l'Espresso che é  a Più libri, Più liberi per presentare una nuova collana.

9 dicembre 2012

ELASTICO APP: LEGGERE DIVERTENDOSI


Anche se l’incontro/seminario dell’Aie, purtroppo, non ha aggiunto niente di rilevante ha, senz’altro, avuto il merito di presentare un’iniziativa davvero unica nel panorama editoriale italiano: Elastico App.

ANCHE QUESTO E' UN LIBRO!



Sono le 14 in punto é appena terminato l’incontro Editoria in Cina e in Italia e devo subito correre in Sala Smeraldo per prendere parte ad uno degli incontri organizzati dall’Aie.

LA CINA E' VICINA?



A Più libri Più Liberi, per rimanere in tema di contatto tra civiltà e riflessioni  sul mondo dell’editoria, sbarca una delegazione cinese.

7 dicembre 2012

LA CRISI DELL'INDUSTRIA EDITORIALE



Continua i nostro viaggio alla scoperta degli incontri di questa edizione di Più Libri Più liberi che si delinea sempre di più come una fiera a due livelli. Il livello uno (corrispondente al primo piano) ospita le case editrici, grandi e piccole, e svela il suo volto più commerciale e aperto nei confronti del pubblico.

BOOKS ISN'T STUFF FER GOD-RESPECTIN' PEOPLE




Se dovessi dare un titolo a questa prima giornata a Più Libri, Più Liberi sarebbe: Incontro tra civiltà. E sì perché il primo, lungo appuntamento, con la fiera della piccola e media editoria a Roma, si é svolto all’insegna dell’incontro dei paesi, dello scambio di opinioni e idee sul mondo della letteratura. I libro come luogo d’incontro, di dibattito e momento in cui si può e si deve raccontare l’altro.

500 STORIE D'AUTUNNO: IL VINCITORE


Siamo finalmente giunti alla fine di questo lungo mese che ti ha portato a mettere in gioco tutto te stesso e ti ha costretto a tirare fuori la storia che tenevi da troppi anni nel cassetto

SPECIALE NATALE 2012: IL TRAILER


Il Trailer dello Speciale Natale che sarà on line tra qualche giorno su Reader's Bench. Un assaggio dell'atmosfera che potrete respirare tra le pagine. Accomodatevi sulla panchina del Natale!

6 dicembre 2012

FANTASY BOOKS FOR CHRISTMAS


Settimana scorsa abbiamo presentato Chrysalide, la nuova collana della Mondadori dedicata interamente al mondo, e ai mondi, del fantastico. Alfonso Zarbo ci ha parlato un po' di fantasy e di editoria, ma soprattutto ha fatto qualche “nome grosso”, accennando agli autori pubblicati in Chrysalide. Chi sono questi scrittori?

LETTORI IN VIAGGIO



Ci sono tanti punti di vista da cui osservare i lettori e i libri, solintreno.tumblr.com ci offre una carrellata di italiani alle prese con la lettura in viaggio: scatti di vita quotidiana, istantanee prima e dopo il lavoro, quasi un campionario di ciò che siamo nel tragitto del nostro corpo e della nostra mente. Impiegati, studenti, giovani, meno giovani, persino il controllore: è una grande famiglia quella dei lettori che si muovono, personaggi in un affresco dai toni sinceri che nel rumore di questi anni regala un sorriso e fa pensare bene. 

5 dicembre 2012

LA PRIMA VOLTA NON SI SCORDA MAI


Marcos y Marcos, casa editrice milanese, che abbiamo conosciuto per la prima volta a Più Libri Più Liberi, l'anno scorso, e che abbiamo ritrovato in quel di Writers lo scorso 24-25 novembre, arriva in libreria, per la prima volta, con un audio book.

Il Vietnam di Nguyen Huy Thiep



Non sono molti gli autori Asiatici (e con questo termine vago intendo moltissime diverse realtà) conosciuti ed apprezzati in Occidente e soprattutto in Italia, ma spesso sono autori dallo stile unico e delicato e che vale la pena di imparare a leggere e conoscere.

4 dicembre 2012

DOSSIER TAV: AL DI QUA DEL FILO SPINATO


Se leggete RB sarete già venuti a sapere del doping nel fumetto italiano. Se leggete RB avrete già imparato i nomi degli autori italiani più interessanti. Se leggete RB avrete già capito che cos'é e di cosa si occupa il graphic journalism.

L'ARTE DI CORRERE SOTTO LA PIOGGIA



Non ho mai avuto un cane "mio", ma negli ultimi 25 anni un cane in casa c’e’ sempre stato. Paradossalmente solo con l’ultimo, arrivato quando io abitavo già da un altra parte, si e’ creato il rapporto più confidenziale. 

3 dicembre 2012

NON PASSARE PER IL SANGUE



“Ed è giusto così, perché tu non sai quanta fatica per generare le generazioni, con un polmone solo, nella guera che segue guera, con i maschi che aferano e le femine che insultano. Quando Marcelo ha deciso di stare in esercito, tra me ho deto: questo qui deve dimostrare, ha il dirito di dimostrare, contro il destino, contro la natura, anche contro Dio, di dimostrare che noi vogliamo, vogliamo e vogliamo, e stiamo sopra le cose, non soto.” Prende un fazzoletto di cotone dalla tasca, tutto stropicciato e appallottolato, e si soffia il naso rumorosamente.

L'ORA DEGLI ADDII



L'addio alla letteratura di Philip Roth ha avuto un'eco assordante, quasi spropositata, o proporzionata solo alla notorietà planetaria dello scrittore, artista della penna e del management di se stesso. L'ultimo colpo di teatro finisce per coincidere con un atto di onestà dovuta al lettore: la pagina bianca come estrema opzione della scrittura, sulla scia di Mallarmé e di altri grandi fantasmi, non ultimo quel Rimbaud spaesato interprete della poesia come fase, momento, prima della dispersione.