Menu

Reader's Bench Menù PressDisclaimerReaders on tourLibri e...MagazineServiziRecensioniClickContattiChi Siamo Homepage

19 novembre 2012

ODIFREDDI ESSOTERICO



Molti filosofi antichi erano soliti dividere le loro pubblicazioni e le loro lezioni per le varie tipologie di pubblico cui erano rivolte.

Aristotele, ad esempio, scriveva opere essoteriche, cioè destinate agli “acusmatici” (il grande pubblico, quelli che “sanno che”) ed opere esoteriche, destinate ai “matematici” (gli addetti ai lavori, quelli che “sanno perché”). “Le menzogne di Ulisse” è una sorta di versione essoterica de “Il diavolo in cattedra” dello stesso autore.

Il libro, come si evince dal sottotitolo, racconta di come sia saltata fuori e si sia evoluta la logica, nata come filosofia e diventata poi scienza. Ho definito questo un testo essoterico, perché non contiene formule e teoremi, ma solo spiegazioni discorsive degli argomenti trattati.

Ogni capitolo riguarda una o più figure chiave della storia della logica ed è introdotto con un aneddoto sul tema.

Lo stile è quello solito di Odifreddi, schietto, scorrevole e caustico. Il professore non risparmia frecciate e stoccate ad i malcapitati logici che l'hanno preceduto, pur riconoscendone i pregi ed i meriti.

L'opera è completata da un “dizionario (etimo)logico”, ma, essendo questo un testo introduttivo, mi sarei aspettato che ci fosse una robusta bibliografia per gli approfondimenti... ma forse io seguo un'altra logica.

Consigliato a chi proprio le formule non le sopporta, ma vuole comunque avere un'idea di cosa sia la logica e sconsigliatissimo a chi ha letto altri libri, soprattutto “Il diavolo in cattedra”, dello stesso autore.

A cura di Diego Rosato


Le menzogne di Ulisse di Piergiorgio Odifreddi, TEA, 286 pagg, 9,00 euro


Voto 6,5/10






0 commenti:

Posta un commento

Lascia un commento!