Menu

Reader's Bench Menù PressDisclaimerReaders on tourLibri e...MagazineServiziRecensioniClickContattiChi Siamo Homepage

14 novembre 2012

LA VETRINA DELLA MIA FELTRINELLI


La mia Feltrinelli é a pochi metri dalla Biblioteca, tappa fissa dei miei giretti settimanali, luogo di perdizione dove dilapido i miei pochi averi.

Centro di raccolta di giovani che proprio lì si danno appuntamento e che ogni volta mi impediscono o di entrare o di dare una sbirciata all vetrina che di solito si divide in due sezioni: i libri che vendono di più, con i gadgets e le proposte per i più piccoli e le scelte del Magno Direttore che prova, ostinatamente, ad aprire una breccia nel cuore e nella mente dei suoi clienti proponendo sempre interessanti letture.

Ieri l'esplorazione é stata ancor più difficoltosa dato l'assalto dei giovani, prima citati, alla presentazione del libro di Freaks! (trovate le foto sulla pagina facebook) e per l'uscita dell'ultimo all'album dei 1D. Ora che io adesso mi ritrovi a scrivere del gruppetto di sbarbati inglesi é abbastanza triste, lo so, ma se vi dicessi che ero lì per prendere il cd a mia sorella, mi capireste, vero??!!??


Comunque alla fine riesco perfino a scattare una foto alla vetrina e tra gli altri, in bella vista, trovo:


Una voce di notte di Andrea Camilleri, Sellerio, 269 pagg, 14 euro

Non poteva mancare il nostro Camilleri, un uomo, una garanzia. Una prosa di qualità che ci conduce per mano nell'ennesima indagine del commissario Montalbano, questa volta alle prese con un caso che lo metterà a dura prova e lo costringerà a fare i conti con i suoi superiori e con l'opinione pubblica.




I re del mondo di Don Winslow, Einaudi, 350 pagg, 18.50 euro

Traffici di droga, hippies, surfisti e le magiche spiagge della California, c'é davvero tantissimo materiale nel libro di Don Winslow che di certo non annoierà i lettori. Le atmosfere sono quelle dei film anni settanta o se preferite alla Blow, con un Johnny Depp biondissimo e straordinario.




Storia di un corpo di Daniel Pennac, Fetrinelli, 341 pagg, 18 euro


Prima Il corpo umano di Giordano ed ora la corporalità riproposta anche in questo libro di Pennac. Per carità, non tento nemmeno un paragone ma é evidente che l'essenza ma soprattutto la consistenza del nostro essere é particolarmente cara a questi  due scrittori. In particolar modo per Pennac la scoperta o riscoperta di un padre avviene anche attraverso un taccuino . Dettagli intimi e corporali, scoprirà Lison, la protagonista del romanzo, che verrà a conoscenza delle grandezze e delle miserie che hanno attraversato la vita di suo padre, appena scomparso.




Con te fino alla fine del mondo di Nicolas Barreau, Feltrinelli, 185 pagg, 14 euro


Jean-Luc Champollion vive a Parigi dove gestisce una galleria d'arte. La sua vita é fatta di successi lavorativi, eventi mondani e una buona dose di avventure amorose. Questa routine viene bruscamente interrotta dall'arrivo di una busta anonima che contiene alcuni indizi che gli saranno fondamentali per la scoperta del mittente. Da quel momento per l'uomo inizia una sorta di caccia al tesoro che forse lo porterà alla scoperta dell'amore vero.




Italiani di domani. Otto porte sul futuro di  Beppe Severgnini, Rizzoli, 177 pagg, 15 euro


Il messaggio di Jobs ha fortemente influenzato la comunicazione e con anni di ritardo sembra essere entrato anche nei saggi dei giornalisti italiani. Beppe Severgnini rilegge l'ideale di successo del magnate americano e lo ripropone in salsa nostrana, fornendo otto spunti per ripartire. Un cambiamento che dal singolo si dilaterà verso tutta la nostra società.




2012. La rinascita dopo l'apocalisse. Segno per segno di Marco Pesatori, Feltrinelli, 284 pagg, 14 euro


Marco Pesatori non é un semplice astrologo ma un interprete dei nostri tempi e dopo un difficilissimo 2012 tenta di fare una previsione per questo prossimo anno che é alle porte. Citazioni, riferimenti per quella che non é una semplice guida.




L'eredità di Lilli Gruber, Rizzoli, 354 pagg, 18.50 euro


Rosa Tiefenthaler é la bisnonna di Lilli Gruber che ha lasciato alla nipote un diario ma anche un bagaglio immenso fatto di ricordi privati e considerazioni su un passato non troppo lontano. E' il 1918 quando Rosa inizia a scrivere; l'impero austroungarico é collassato ed il Tirolo é passto all'Italia. Da questo momento le pagine si riempiono dei tormenti di chi si trova a vivere in una terra di confine e ad essere annesso ad un paese straniero, suo malgrado.

 A cura di Clara Raimondi





0 commenti:

Posta un commento

Lascia un commento!