Menu

Reader's Bench Menù PressDisclaimerReaders on tourLibri e...MagazineServiziRecensioniClickContattiChi Siamo Homepage

12 marzo 2012

Una giornata da Reader: il torneo di PES e Libri & Games


Sto guidando con il navigatore... no, non quello della macchina, ma quello nella mia testa, perché ieri sera mi sono addormentato piuttosto tardi e stamattina la sveglia è stata implacabile. 


Ieri infatti sono andato da Davide a preparare la presentazione, ma poi siamo andati a cena e tra una cosa e l'altra sono tornato a mezzanotte passata. Come se non bastasse, ho voluto colmare subito una delle mie lacune cinematografiche e vedere il blu-ray di “Batman Begins” che il buon Davide mi ha prestato. Un paio di camionette della polizia mi sorpassano, riportandomi alla realtà... ah, già, oggi c'è l'attesissimo derby Latina-Frosinone.

Oggi dobbiamo fare una presentazione sul tema “Libri & Games” al torneo di PES organizzato dall'associazione Jogastudiando di Sezze ed abbiamo un rendez-vous al parcheggio della stazione di Sezze Scalo. Ovviamente io seguo le indicazioni stradali e sbaglio parcheggio, ma Davide ed Eleonora vengono a recuperarmi. 



Raggiungiamo il locale che ospita la manifestazione mi trovo circondato da ragazzi, quasi tutti meno che ventenni e penso che stavolta non ne uscirò vivo: parlare di libri ad una torma di adolescenti il cui solo obiettivo nell'immediato e farsi una sana partita a Pro Evolution Soccer... Penso che di certo per un uomo un torneo di PES non è il posto più ovvio dove conoscere una ragazza.
Clara, come sempre, sembra una sorta di piccolo sergente Hartman: gira, parla, amministra... io comincio a preparare proiettore e portatile con la presentazione.  Nessuno presta attenzione a me: la schiera di PS3 disposta sui tavoli mi renderebbe invisibile anche se fossi una pin-up di vent'anni.

Io e Davide ci accorgiamo di esserci persi un'immagine, ma la recuperiamo dal web al volo. Le iscrizioni al torneo continuano, quindi aspettiamo, prima di iniziare. Nell'attesa, mi giro e vedo che Francesco e Davide stanno facendo colazione alla faccia mia, allora arringo Clara ed Eleonora: al termine della presentazione le interrogherò.

Alle 12: 30 iniziano i sorteggi dei gironi ed al termine Clara introduce il mio intervento, pregando gli uomini presenti di spiegare alle proprie ragazze come utilizzare correttamente un joypad: ho idea che sia un non troppo velato messaggio per Franz e la accuso pubblicamente di uso privato di mezzo pubblico. So già che questo mi costerà delle frustrate.

Iniziò a parlare e temo che presto sentirò inviti a togliermi di torno, invece, se anche è vero che qualcuno continua a preferire un simulacro di Barcellona-Milan a me, molti mi ascoltano, annuiscono e si mostrano interessati. Parlo di molti giochi, indicando i libri che li hanno ispirati o che hanno ispirato: i miei cavalli di battaglia restano Sam Fisher ed Agatha Christie, due personaggi che più diversi di così... Alla fine spero di aver invogliato almeno qualcuno di quei ragazzi a leggere un libro di tanto in tanto: magari si comincia da un Assassin's Creed e si passa a qualcosa di più massiccio.

Finita la presentazione, si mangia: Jogastudiando ci offre gnocchi e pizza. Ho un po' la gola secca per il molto parlare e sono anche un po' stanco, ma non abbastanza da non torturare le ragazze e stuzzicare i ragazzi. Clara si dimostra impreparata su Sam Fisher ed Eleonora su Tom Clancy in generale: entrambe rimandate!



Nel pomeriggio Clara ha un altro impegno ed il resto della squadra, libero dal suo mastino, si sguinzaglia per il circondario a caccia di fotografie. Eppure una pennichella ci starebbe proprio bene... Recuperata Clara andiamo a Bassiano per prendere il gelato (sic), ma scopriamo che non è ancora stagione e ci accontentiamo di un tè... o di cioccolata e tiramisù. Un'ultima passeggiata, prima di rimettersi in viaggio per recuperare la mia macchina (ebbene sì, anche stavolta mi sto facendo scarrozzare da Davide) e tornarmene a casa.

Durante il viaggio di ritorno penso che sono stanco, voglio riposare, però ho voglia di scrivere! Chissà se scriverò un capitolo del romanzo che mi sta aspettando ormai da mesi o un altro articolo della serie “Una giornata da Reader”? Penso che conosciate la risposta.

Beh, ormai il fine settimana è finito (e per giunta il Latina ha vinto 2-0), quindi posso spaparanzarmi sul letto a scrivere: non voglio più vedere i Readers per almeno un mese... ma sarà vero?

A cura di Diego Rosato

0 commenti:

Posta un commento

Lascia un commento!