Menu

Reader's Bench Menù PressDisclaimerReaders on tourLibri e...MagazineServiziRecensioniClickContattiChi Siamo Homepage

30 marzo 2012

Un assaggio letterario





Lo scorso 29 febbraio il numero di Vanity Fair aveva un allegato davvero speciale. Non il solito inserto sulle tendenze per gli accessori della prossima estate, ma un piccola anteprima  di due libri Newton Compton.


Due proposte letterarie, scovate da Newton, che tentano di bissare gli ultimi successi rosa della casa editrice romana.

Un’idea davvero appetitosa che in poche pagine cerca di dare un piccolo assaggio di quello che sarà il libro vero e proprio, esattamente in sole 16 pagine.

Queste sono più che sufficienti per inquadrare i personaggi e l’ambientazione della storia e delle trame, che in questo caso appartengono a due libri di puro e semplice intrattenimento

All’interno dell’inserto, troverete un antipasto di:


La strada in fondo al mare di Leah Fleming, Newton Compton, 541 pagg, 9.90 euro

In pieno revival arriva in perfetto orario il piroscafo di La strada in fondo al mare. La storia inizia proprio il 10 aprile 1912, nel momento dell’imbarco del viaggio inaugurale del Titanic. Sulla nave, tra le altre, due donne: May e Celeste che condivideranno il tragico destino del naufragio. Fin dalle prime pagine annusiamo già l’aria dell’intero romanzo e il sesto senso della protagoniste che hanno già il sentore che qualcosa non andrà per il verso giusto. Per il resto abbiamo la descrizione della provenienza sociale delle due donne e una visita guidata all'interno del Titanic


Ti amo, ti odio, mi manchi di Niamh Greene, Newton Compton, 347 pagg, 9.90 euro

Sembra invece essere un vero e proprio chick lit Ti amo, ti odio, mi manchi. Le prime pagine ci portano nella vita frenetica ed incasinata di Maggie che lascia per un futile motivo il suo fidanzato storico, filtra con il suo collega Dam e si prepara a vedere completamente stravolta la sua vita. Un riferimento a Filler on the Roof, la definizione di metrosexual e qualche riferimento alla crisi economica di questi tempi, sono i primi tocchi che l’autrice da alla narrazione. Un tratto veloce per una storia al 100% femminile.

Le anteprime Newton sono una buona opportunità per sondare il terreno e per considerare o no la possibilità di un acquisto e rappresentano un’occasione in più per chi non è in grado o non può collegarsi su internet per leggere le anteprime.

Un’idea che forse potrà essere copiata da altre case editrici, speriamo.

A cura di Clara Raimondi

2 commenti:

Stefania ha detto...

In effetti ho visto anche io l'allegato. Non era solo in Vanity Fair (io non lo compro), ma credo anche nel Corriere della sera...
L'ho trovato in casa mia e son sicura venisse da uno dei giornali di mio padre...
Comunque, direi che hanno avuto un'ottima idea. Ho letto le pagine proposte...e alla fine li ho comprati... ^^
Direi che invogliano parecchio il lettore all'acquisto. Un'ottima trovata.

Reader's Bench ha detto...

Alla fine hanno ottenuto lo scopo che si erano prefissati, spero solo che altre casi editrici facciano lo stesso.

Posta un commento

Lascia un commento!