Menu

Reader's Bench Menù PressDisclaimerReaders on tourLibri e...MagazineServiziRecensioniClickContattiChi Siamo Homepage

8 febbraio 2012

Recensione | STORIA DELLA FOTOGRAFIA (Beaumont Newhall)


La storia della fotografia, il rapporto con le altre arti,  le tecniche e le innovazioni tecnologiche on quello che è considerato una Bibbia per chi ama la fotografia.

Questo e molto altro in un viaggio senza sosta, in un susseguirsi di informazioni, notizie che dalla camera obscura  vi porteranno alla fine degli anni ’70.


Beamont Newhall, storico dell’arte e fotografo, realizzò questo volume nel 1937 dopo anni di ricerca. Un volume davvero degno di nota che nel 1982 fu riproposto in una nuova edizione curata dal Museum of Modern Art di New York.

E’solo grazie a questo lavoro che conosciamo fin nei minimi dettagli l’evoluzione che ha portato un esperimento chimico a diventare un’espressione artistica. Dal calotipo al dagherrotipo, la storia della fotografia diventa indagine sul costume dell’ultimo secolo. Un modo per fare il tempo, per ricordare posti e luoghi come non era mai stato fatto prima.

Processi chimici si intrecciano con la storia dei suoi inventori  spesso in lotta per veder riconosciuta la loro scoperta. Una guerra combattuta a colpi di brevetti  e, tra la pause forzate, i primi risultati che sono dei veri e proprio capolavori.

Nati quasi per caso, racchiudono la potenza di una scoperta che esprimeva tutte le sue potenzialità. Da fenomeno capace di suscitare tanto interesse alle prime  esposizioni universali a forma d’arte, in grado di scalzare la pittura.

William Henry Fox Talbot, Paul Martin, Dorotha Lag fino a Diane Arbus e Minor White, sono solo alcuni dei nomi contenuti nel libro. Grazie a Newhall scoprirete le tecniche utilizzate, la corrente di appartenenza e ogni singolo dettaglio del loro lavoro.

Un’analisi che spesso incede su dettagli poco interessanti, su formule, elementi  tecnici che poco hanno a che fare con la magia della fotografia, ma che comunque danno una visione completa. Un’altra grande pecca è sicuramente la traduzione del testo in italiano che presenta una sintassi poco chiara.

Il testo, per il resto, è incommensurabile ed è ricchissimo di immagini che difficilmente troverete in altri volumi.

Per gli amanti delle fotografia che non si accontentano di semplici manuali ma che sono alla ricerca della storia e delle radici della propria passione.

A cura di Claretta

“Storia della fotografia” di Beaumont Newhall, Einaudi, 462 pagg, 54.00 euro

Voto9/10




0 commenti:

Posta un commento

Lascia un commento!