Menu

Reader's Bench Menù PressDisclaimerReaders on tourLibri e...MagazineServiziRecensioniClickContattiChi Siamo Homepage

21 febbraio 2012

11 libri candidati all'Oscar


Il prossimo 26 febbraio, al Kodak Theatre di Los Angeles, Billy Crystal incoronerà i migliori film del 2011 e l’unica certezza, fino a questo momento, è che i vincitori, per questa edizione,  siano i libri.

Sono ben 11 quelli candidati all’Oscar, trasposizioni di romanzi, biografie che di sicuro saranno ottimi spunti per le letture delle prossime settimane.



The Iron Lady è il film di Phyllida Loyd, per il quale Meryl Streep  è candidata al suo terzo Oscar. Alla donna e al personaggio abbiamo dedicato un articolo, non dimenticando di darvi qualche suggerimento per la lettura. Il film si basa sulla biografia di John Campbell (The Iron Lady:  Margaret Thatcher, from Groocer’s daughter  to Prime Minister, Penguin, ebook, 12.56 euro).


Uomini che odiano le donne è il remake hollywoodiano del primo appuntamento con la saga di Millennium. In libreria due volumi in più per conoscere il mondo di Stieg Larsson. Si intitola “I segreti della ragazza col tatuaggio” (Sonsogno, 288 pagg, 18.00 euro) il libro scritto, tra gli altri, da John-Henri Holmberg collaboratore dello scrittore, che promette di rivelare tutti i retroscena del lavoro dello scrittore svedese. “Stieg e Io” (Marsilio, 284 pagg, 16.00 euro) è il libro di Eva Gebrielsson, compagna del defunto Larsson che racconta di uno scrittore femminista ed impegnato nel far passare un messaggio fondamentale contro la violenza sulle donne.



De La talpa di Tomas Alfredson vi avevamo già parlato. Il film, tratto dal romanzo omonimo di John le Carré (Mondadori, 420 pagg, 13.00 euro) era già arrivato sul piccolo schermo britannico in un serie televisiva datata 1979. Per il film un cast di tutto rispetto che vede come interpreti, tra gli altri, Gary Oldaman, George Smiley e Colin Firth.



War Horse prima è diventato un musical e poi il soggetto ideale per una nuova pellicola di Steven Spielberg che dopo il successo di Tin Tin continua a dedicarsi al pubblico degli young adult. A loro era destinato anche il romanzo, da cui è tratto,  di Michael Morpurgo (Rizzoli, 177 pagg, 15.00). Un cavallo e il suo padroncino, Albert, sono legati da un’amicizia speciale che nemmeno la brutalità della guerra riuscirà a spezzare.



Altro grande regista per un altro personaggio, ancora una volta destinato al pubblico dei più piccoli: Hugo Cabret nato dalla penna e dalla matita di Brian Selznick (Mondadori, 544 pagg, 16.00 euro). Hugo Cabret è un orfano che vive da solo nela stazione di Parigi e che spera un giorno di riparare l’automa che suo padre gli ha lasciato prima di morire. Nel sogno di diventare un grande illusionista incontra Isabelle e verrà coinvolto nella soluzione di una serie di misteri. Voci di corridoio dicono che la versione 3D sia imperdibile.



Anche per The Help la pellicola di Tate Taylor trovate un articolo dedicato sulla panchian del lettore. La pellicola è la trasposizione del romanzo di Katherin Stockett (Mondadori, 524 pagg, 18.00 euro). Tre generazioni a confronto, l’America patinata degli anni ’60 e quel modo unico che gli americani hanno di parlare del loro passato. Per noi cosa recente, per loro tappa fondamentale di una storia sociale e politica ancora da costruire.



Moneyball (Norton & Company, 12.52 euro) di Michael Lewis è stato il bestseller numero uno della classifica del New York Times del 2003. Da qui parte il film di Bennett Miller  che sotiene benissimo un altro topos del cinema americano: la lotta per la vittoria ottenuta grazie al sacrificio e all’idea geniale. La soluzione a tutti i problemi degli Oakland Athletics viene da un giovane studente di economia e dal coraggio del suo general manager Billy Beane, interpretato da Brad Pitt.



Marilyn Monroe è in Inghilterra con il marito Arthur Miller per le riprese de Il principe e la ballerina. A scortarla e ad assecondare ogni suo capriccio c’è il giovane attore Colin Clark che avrà l’onore e l’onere di vedere la donna oltre il sex symbol.  A week with Marilyn è la trasposizione del romanzo omonimo dello stesso Clark (Weinstein Books, 11.00 euro) e segna il ritorno sul grande schermo di Michelle Williams.



Molto forte incredibilmente vicino di Stephen Daldry è una delle trasposizioni candidate come miglior film del 2011. Il pluripremiato Tom Hanks, marito di un’altra vincitrice Sandra Bullock è il papà di Oscar. Hanks muore durante l’attacco delle Torri Gemelle e per il bambino diventa fondamentale scoprire che cosa si cela dietro l’ultima busta lasciata dal padre. Il film è tratto dal romanzo omonimo di Jonathan Safran Foer (Guanda, 384 pagg, 13.00) che, in qualunque modo vadano le cose, resta pur sempre un libro imperdibile.



Glenn Close è l’unica vera rivale di Meryl Streep per l’Oscar come migliore attrice. Dopo aver interpretato Albert Nobbs al teatro, il ritorno al cinema dell’attrice è possibile solo grazie alla regia si Rodrigo Garcia e alla trasposizione del libro di George Moore (Tranchida, 80 pagg, 9.90 euro). Albert Nobbs ha dedicato la sua intera esistenza al lavoro, senza mai fermarsi ed è sempre  stato disponibile a servire i clienti. Ma l’integerrimo maggiordomo nasconde un segreto che verrà rivelato solo alla sua morte.



Paradiso amaro (titolo originario The Descendants) di Alexander Payne è la trasposizione del romanzo omonimo di  Kaui H. Hemmings (Newton Compton, 313 pagg, 9.90 euro). George Clooney è un uomo la cui moglie è in coma per un tragico incidente, con due figlie che non conosce e che negli anni si sono sempre di più allontanate da lui. Come colpo finale l’uomo scopre che la moglie lo tradiva. Nella stessa condizione per pochi riuscirebbero a risollevarsi e a riprendere in mano la propria vita.




A cura di Clara Raimondi

0 commenti:

Posta un commento

Lascia un commento!