Menu

Reader's Bench Menù PressDisclaimerReaders on tourLibri e...MagazineServiziRecensioniClickContattiChi Siamo Homepage

31 gennaio 2012

Recensione | LA PORTA DI ATLANTIDE (Giulio Leoni=

Quali sono gli ingredienti per un buon giallo? Sicuramente il più importante è l'ambientazione: una capitale europea, per esmpio, come Parigi o Londra, che racchiudino un mistero nei loro meandri metropolitani. 
 
Un altro ingrediente sono le leggende che la popolano e  di cui si fa un gran parlare negli ultimi tempi, anche perchè sono parecchi quelli che cominciano a crederci o a specularci su.
  

Ci sono diversi romanzi in cui questi ingredienti vengono mescolati ed il risultato è spesso un racconto intrigante che cattura il lettore.
 
E' questo quanto accade nel libro di Giulio Leoni dove a far da sfondo alla vicenda è Roma ed è sempre la città eterna che contiene il mistero che fa da motore alle vicende del romanzo.
 
Il protagonista Giulio, omologo dell’autore già protagonista de “La sequenza mirabile”, si occupa saltuariamente di un piccolo teatro romano, Il cerchio magico, che per soppravvivere ospita le più disparate conferenza tra le quali una su Atlantide, il leggendario continente perduto.
 
Alla fine di questa conferenza, il protagonista conosce Vanja, una ragazza slava che si trova in difficoltà. I suoi documenti sono a casa della donna che accudiva e che è stata portata in una clinica. Lo scrittore si propone di aiutare la ragazza, ma da quel momento si apre una catena di eventi che portano il protagonista ad incrociare bizzarri personaggi e a vivere un’esperienza surreale, il tutto nel segno del mistero di Atlantide.
  
Con estrema facilità si possono riconoscere alcuni luoghi e catapultarsi nelle pagine del racconto ma la cosa che più colpisce è il protagonista del romanzo. Una persona dotata di grande cultura ma allo stesso tempo molto alla mano e con una capacità unica di associare le persone che incontra a personaggi famosi (ad esempio uno dei cinesi che incontra lo ribatezza Rocky Joe, come un famoso cartone animato anni 80).
 
Anche la trama riesce a colpire nel segno e l'autore, come un perfetto illusionista, riesce a condurre il lettore in una direzione aggiungendo, di volta in volta, nuovi elementi. 
 
Altra cosa da non sottovalutare sono le diverse teorie che il libro presenta in merito ad Atlantide. Apprezzo molto i libri che forniscono idee e spunti nuove, cosa che poi data la mia enorme curiosità verifico puntualmente con minuziose ricerche.

A cura di Claudio

"La porta di Atlantide" di Giulio Leoni, Mondadori 440 pagine 19.90 euro

Voto 7.5/10


0 commenti:

Posta un commento

Lascia un commento!