Menu

Reader's Bench Menù PressDisclaimerReaders on tourLibri e...MagazineServiziRecensioniClickContattiChi Siamo Homepage

20 gennaio 2012

Cos’è il self publishing? di Roberto Tartaglia


Arriva anche in Italia quella rivoluzione editoriale che ha fatto parlare molto di sé negli Stati Uniti, dando vita a una nuova generazione di bestseller e di scrittori indipendenti.
   
Si chiama self publishing ed è la nuova frontiera dell’editoria online che, grazie a una serie di servizi, permette agli autori di autopubblicare la propria opera gratuitamente, mantenendo tutti i diritti sulla stessa.

Ma come funziona il self-publishing? E come si differenzia dall’editoria tradizionale?

Immagina il self-publishing come un sito dove ti registri gratuitamente e ti viene data una vetrina personale dove vendere i tuoi libri. E a te non rimane che creare. Una volta scritta la tua opera e fatta la copertina, carichi i file sul sito (o li spedisci via email) e vieni guidato nel percorso di pubblicazione.


“Ma perché dovrei affidarmi al self publishing?” Ti starai chiedendo.

Perché è il futuro, a mio avviso. La crisi che sta vivendo il mondo dell’editoria tradizionale è fin troppo evidente. C’è chi punta solo sui cavalli vincenti e chi si ritrova a selezionare migliaia di manoscritti, leggendone (per questioni di tempo) solo poche righe, senza riuscire a comprenderne il vero valore. Poi c’è anche chi, purtroppo, chiede addirittura soldi in cambio della pubblicazione: la cosiddetta editoria a pagamento. Stanne lontano!

A questo aggiungici i problemi legati ai diritti e ai contratti editoriali, che lasciano, nella maggior parte dei casi, solo un amaro in bocca e pochi spiccioli agli autori.
   
Con il self publishing tutto è diverso. I diritti restano a te, nessun contratto da sottoscrivere e, questo è importante, sei tu che decidi il prezzo al pubblico della tua opera e quanto percepire per i tuoi diritti, nonché cosa scrivere, quando pubblicare e cosa mettere in copertina.


Hai capito bene: controllo completo del processo di pubblicazione, senza vincoli editoriali o diktat. Scrivi ciò che vuoi, come e quando vuoi. E poi hai il controllo diretto delle vendite e un contatto umano con i tuoi lettori che, finalmente, possono interagire con i loro scrittori preferiti attraverso i canali che si ritengono più opportuni.

Poi, una volta pubblicato, c’è il lavoro di autopromozione da portare avanti.

A primo acchito sembrerebbe una fatica in più a carico degli scrittori, ma non è così. Una volta imparate le basi, diventa anche questo un processo creativo. Così sei tu a scegliere i canali di comunicazione, cosa comunicare e a chi. Comunicati stampa? Presentazioni? Social network? Blog? Pubblicità su Google? Basta creare una propria strategia di marketing e sbizzarrirsi con le idee promozionali.

Nella maggior parte dei casi non richiede alcun investimento tutto ciò. E non ci sono limiti, esclusi quelli che poni alla tua fantasia.

Che ne dici? Conviene o no affidarsi all’autopubblicazione?

A cura di Roberto Tartaglia

Roberto Tartaglia dopo una serie di delusioni ricevute dall’editoria tradizionale, ha deciso di pubblicare il suo primo thriller, “Casus belli”, in self-publishing. Risultato? 5mila copie in circa 6 mesi. Ora, per celebrare questa piccola vittoria, ha deciso di offrirlo gratuitamente a chiunque si iscriva alla newsletter su questa pagina: www.robertotartaglia.com.

Roberto Tartaglia ha creato anche il primo progetto online che intende aiutare tutti gli autori emergenti che vogliono affidarsi al self publishing Vivere di Scrittura: www.viverediscrittura.it.

0 commenti:

Posta un commento

Lascia un commento!