Menu

Reader's Bench Menù PressDisclaimerReaders on tourLibri e...MagazineServiziRecensioniClickContattiChi Siamo Homepage

6 novembre 2011

Annalisa Leoni, reporter al Lucca Comics&Games


Annalisa Leoni, giovane disegnatrice italiana, è stata al Lucca Comics & Games e per noi è diventata reporter. Nel suo articolo le emozioni, i momenti salienti e tanti, tanti consigli per gli acquisti.


L'esperienza lucchese inizia quest'anno ad un'ora inusuale. Arriviamo alla stazione alle 23:30, carichiamo la valigia e ci dirigiamo a piazza anfiteatro (ritrovo notturno dei fumettari a Lucca) per recuperare le chiavi dell'appartamento. Arrivati lì si presenta l'abituale spettacolo, una mandria di autori accomodati ai tavolini a chiacchierare sotto le stelle di una Lucca sempre fredda e bella. Tra saluti e brindisi, si arriva in appartamento alle 02:30 di notte e finalmente si va a letto.



Il giorno seguente sono pronta per il Lucca Comics&Games 2011 che conta ben 5 giorni di fumetto, giochi ed, eccezionalmente, anche di bel tempo! 

A detta di molti è stata una delle edizioni più belle degli ultimi anni e nonostante la mia permanenza si sia ridotta a un giorno e mezzo, posso assolutamente confermarlo. Con i primi giorni ho perso la premiazione Gran Guinigi (i vincitori) le dediche di Guarnido, la conferenze dei "fratelli Weasley" e 6 minuti di anteprima del film The Avengers, ma non per questo ho disperato. 
Il festival di Lucca non delude mai. Racchiude in sé una miriade di realtà diverse, è la fiera dei comics, del cosplay, dei game (video e non), e quest'anno finalmente anche dei movies!

Quando ero più piccola, da lettrice di fumetti incallita ed aspirante fumettista, Lucca era un vero e proprio tour de force: s'iniziava con la memorizzazione della mappa tramite impianto celebrale alla Matrix e si partiva, corsa contro il tempo, per vedere  il più possibile in 2 giorni (si, perché ero ligia al dovere e negli altri giorni c'era scuola).

E ricordo il carico di fumetti tale da spezzare la schiena a Schwarzenegger, e quel misto di sfinimento e soddisfazione al ritorno a casa.

Ora lo sfinimento e soddisfazione sono rimasti, ma il modo di vivere il festival  come autore è completamente cambiato.  
Si va dritti agli stand di Piazza Napoleone e allo stand Games, a mio avviso i più interessanti, si gira, si guardano le novità uscite, ma soprattutto si fanno conoscenze. Dall'avvento di Facebook si è anche scoperta la piacevole sensazione di associare facce e voci alle conoscenze fino ad allora solamente virtuali. Così si stringono mani di qua e di là, ci si scambia complimenti e si creano delle basi per possibili rapporti lavorativi e d'amicizia e così via.
Pranzi e cene sono i momenti per gustare la deliziosa cucina Lucchese e le nuove conoscenze.

E girando per gli stand, mi rendo conto che l'era di internet e degli smartphone ha modificato anche il modo di comprare. Sarà complice la celebre crisi, ma non manca occasione di vedere giovani e non che, avvistato un fumetto di interesse, si fiondano sul web per scoprire se il fumetto si trovi in vendita online magari con qualche sconto.

Forse, proprio per questo, nonostante il numero spropositato di presenze, c'è stato un calo delle vendite. Per quanto mi riguarda alla fiera ormai mi limito a comprare gli albi degli autori presenti, così mi becco un bel fumetto e una bella dedica.  Quest'anno ho tra le dediche annoverate quelle di Jeff Smith, David Rubìn e  Andrea Scoppetta.


Un'altra presenza interessante di quest'anno in particolare è stata quella di alcune autoproduzioni veramente di qualità. 

Eccovi dei nomi:


- Dr. Ink - Come crescere un robottone felice. Volumone di un nuovo collettivo formato da 6 fumettisti professionisti (nomi sul blog). All'interno tutto quel che si può desiderare: fumetti, illustrazioni,  pop-up, pagine sorpresa e divertentissime installazioni di ogni tipo, tutto montato a mano. Stand arricchito anche dalle incredibli creazioni di Elena Grigori, pupazzi a robot da cui non si può non rimanere affascinati. 


- I Michael Kane - Fuckland. Fanzine di autori affermanti come Dell'Edera Werther, Dell'Otto Gabriele, Fuso Antonio, Pontrelli Giorgio, Simeone Stefano che si sono uniti per creare un prodotto notevele ad un prezzo più che accessibile. 


- I Drawers. collettivo di fumettisti professionisti (nomi sul blog), quest'anno oltre alla raccolta di Scketch, c'era una novità: una folder tutta particolare in formato Lp con tema portante di quest'anno la musica. LP FOLDER COLLECTION raccoglie 13 illustrazioni a colori basate su singole canzoni. 




- Zombie Gay in Vaticano (Scritto da Davide La Rosa e disegnato da Vanessa Cardinali).  Dico solo questo: sold out in soli tre giorni di fiera. Un successone.  

Sulla questioni autoproduzioni ci sarebbe ancora molto da dire, ma ne parleremo in un altro articolo.

Grande rammarico di quest'anno, non essere riuscita a vedere le mostre per mancanza di tempo, tra cui Sketchesnatched di Massimo Carnevale . Sarà per il prossimo anno ...


Passiamo alle cose pratiche,vi consiglierei tantissimi fumetti, ma per mancanza di spazio eccovi una breve lista degli acquisti "obbligatori":



- Bone (l'integrale) - Jeff Smith (Bao publishing).  



- Love - Federico Bertolucci  e Frédéric Brrémaud . Premio speciale della giuria.( Ankama Editions)  



- Post Coitum-Makkox  ( Bao publishing). 



- Zombilennium - Arthur De Pins. Tomo 1-2  Premio miglior fumetto seriale.  (Re Noir Comics) 


- Ritorno alla terra -Manu Larcenet. Tomo 1-2 ( Coconino Press) Ritorno alla terra 1-2




 - Sute, Il filio degli spiriti. Yoshiko Watanabe ( GP Publishing) 


- L'eroe -David Rubìn (Tunué)  


- Le avventure del sign Don Chischotte della Mancia  - Marcello di Mezzo e Andrea Scoppetta - Volume 1-2 (Lavieri edizioni).   


- Lezioni spirituali per giovani fumettari - Emiliano Mammucari (Effequ Edizioni). Saggio su come funziona il mondo del fumetto.  


E come da rito, la fiera si concude con la mia guancia spiaccicata sul finestrino dell'auto degli amici con cuiabbiamo affrontato il ritorno. Stanchi ma soddisfatti e con le valigie appesantite dalla "carta". Con l'invito,per chi non l'avesse ancor fatto, di andare il prossimo anno a Lucca Comics&Games.


Ringraziamo Annalisa Leoni per la sua disponibilità, chissà che non torni presto a collaborare con la nostra panchina!





0 commenti:

Posta un commento

Lascia un commento!