Menu

Reader's Bench Menù PressDisclaimerReaders on tourLibri e...MagazineServiziRecensioniClickContattiChi Siamo Homepage

24 ottobre 2011

Recensione | IL GIORNO DEI MORTI – L'autunno del commissario Ricciardi (Maurizio De Giovanni)


Napoli anni Trenta. E' il giorno dei morti. Sotto una fitta pioggia autunnale viene ritrovato il cadavere di un bambino ai piedi dello scalone monumentale che porta a Capodimonte. Di turno sono il celebre commissario Ricciardi ed il brigadiere Maione, che si ritrovano afflitti di fronte ad una scena tanto penosa.

Tutti i presenti, compreso il medico legale Modo, sono d'accordo: la morte del bambino è dovuta alla fame a alla malnutrizione. Solo Ricciardi mostra dei dubbi, apparentemente inspiegabili.

Il piccolo Tettè deve avere giustizia. Non può un bimbo così piccolo morire da solo per strada senza nessuno che si sia accorto della sua scomparsa. E non può essere solo questo il motivo che spinge Ricciardi a saperne di più. Ricciardi possiede un dono che stavolta non lo sta aiutando, il “Fatto” come lui stesso lo chiama. Egli infatti è in grado di vedere l'ultima immagine di una persona scomparsa per morte violenta proprio nel posto in cui è successo il fatto. Ma Ricciardi, Tettè non lo vede.

Le indagini devono procedere ma la città è in fermento, soprattutto la Questura. Sta arrivando il Duce ed il vicequestore Garzo non tollera assolutamente che la città dia un'immagine di degrado e crimine. Ricciardi non può continuare: la morte del bambino è solo un triste episodio. 

Ricciardi dovrà quindi indagare di nascosto, con l'aiuto del brigadiere Maione per risolvere il mistero che si rivelerà essere più raccapricciante del previsto.

La narrazione procede veloce, non senza colpi di scena. La scientifica non c'è ancora e quindi possiamo godere di un'indagine vecchio stile dove gli interrogatori e la conoscenza del quartiere svolgono un ruolo centrale e determinante. Ogni tanto la voce narrante è proprio quella di Tettè, una sorta di storia nella storia dove ci vengono presentati in modo insolito gli ultimi giorni di vita del bambino.

Questo è il quarto ed ultimo episodio del commissario Ricciardi, uno per ogni stagione. Tuttavia la lettura non è compromessa dalla presenza di epidodi precedenti. Inoltre la storia lascia aperto uno spiraglio sulla vita personale di Ricciardi, viene voglia di sapere qualcosa di più dell'intreccio relazionale che si va svilippando parallelamente al giallo. Chissà che l'autore non ci conceda una altra stagione di indagini.


A cura di Eleonora

“Il giorno dei morti – L'autunno del commissario Ricciardi” di Maurizio De Giovanni, Fandango Tascabili, 396 pagg, 10 euro   
  
voto: 8 / 10





0 commenti:

Posta un commento

Lascia un commento!