Menu

Reader's Bench Menù PressDisclaimerReaders on tourLibri e...MagazineServiziRecensioniClickContattiChi Siamo Homepage

26 settembre 2011

Recensione | LA GRANDE RAPINA AL TRENO (Michael Crichton)


La voglia di avventura, il fascino del male, l'ammirazione per l'intraprendenza... qualche volta viene un po' voglia di fare il tifo per il cattivo, a patto che il crimine di cui si macchia non sia abominevole. Io confesso che, leggendo questo libro, non ho potuto fare a meno di fare il tifo per Miriam, Pierce, Agar e Barlow dall'inizio alla fine (soprattutto per Agar, data la mia simpatia per Donald Sutherland che lo interpreta nella splendida trasposizione cinematografica di quest'opera).

Già, perché se non molti hanno letto questo libro, sicuramente molti di più hanno visto il film omonimo, diretto dallo stesso autore e che presenta, oltre al già citato Sutherland, anche Sean Connery nei panni di Pierce, sicuramente una delle migliori trasposizioni della storia del cinema, sebbene nel finale un po' troppo romanzata rispetto al reale esito della vicenda.

A Londra nel 1854 il misterioso Edward Pierce, un “armatore” (un criminale abbastanza abbiente da poter finanziare un colpo) recluta il “ferramenta” (scassinatore) Robert Agar, per duplicare le quattro chiavi che aprono due cassaforti: quelle cassaforti viaggiano una volta al mese su un treno che deve portare circa dodicimila sterline in oro ai soldati inglesi stanziati in Crimea per la guerra contro la Russia e l'obiettivo del misterioso Pierce, del suo fedele cocchiere Barlow, della bellissima trasformista Miriam ed ora anche di Agar è fare ciò che nessun uomo ha mai fatto prima: rubare quell'oro dal treno in corsa. Per farlo, avranno bisogno di dare fondo a tutto il loro ingegno.

Il libro racconta dunque della prima rapina realmente avvenuta su un treno in corsa sul suolo inglese, passata alla storia come la (Prima) Grande Rapina al Treno, dei suoi preparativi e del suo esito giudiziario. Il resoconto della vicenda è ben dettagliato, ma non carico di inutili dettagli non funzionali alla narrazione o alla contestualizzazione dei fatti. Contestualizzazione comunque ottima e funzionale alla comprensione dei comportamenti sia dei personaggi coinvolti nella storia che dell'opinione pubblica inglese. L'autore compie un grande sforzo per presentare al meglio l'ambiente in cui operano criminali, investigatori e popolazione, descrivendo i bassifondi, come i salotti più chic, il lavoro nelle fabbriche, come quello dei funzionari di banca, il tutto sempre allo scopo di rendere più comprensibili le dinamiche in gioco, non disdegnando qualche piccola nota più “colorata” sul gergo della malavita londinese, spesso incomprensibile a chiunque non fosse di quell'ambiente.

Non so fino a che punto questa opera possa essere considerata un romanzo, dato che l'autore ricostruisce dialoghi e vicende in base ai documenti dell'epoca, ma per buona parte del testo si abbandona a digressioni più simili ad una vera e propria cronaca storico-giudiziaria che alla narrativa più classica, ma questo espediente stilistico mi è sembrato tutt'altro che un difetto. 


Ciò che veramente non ho digerito è la scarsa conoscenza dell'italiano da parte del traduttore, che, ad esempio, fa un po' di confusione sull'uso di apostrofi ed accenti ed usa “gli” al posto di “loro”, usanza appena tollerabile nel linguaggio quotidiano.

Nonostante questo piccolo inconveniente, che non deve pesare sulla bontà dell'opera, direi che questo è uno dei libri più belli che abbia mai letto, ottimo anche come descrizione dello spaccato della società londinese di metà Ottocento. Caldamente consigliato.

A cura di Diego

“La Grande Rapina al Treno” di Michael Crichton, Garzanti, 231 pagg, 7,50 euro

Voto 10/10





4 commenti:

mao qiuyun ha detto...

gucci shoes
coach factory outlet
michael kors outlet
polo ralph lauren
louis vuitton outlet online
supra shoes
asics gel kayano
chicago bears jerseys
polo lacoste pas cher
nba jerseys wholesale
coach outlet online
ferragamo belts
lululemon outlet
insanity workout
tods outlet
tods shoes
seattle seahawks jerseys
ed hardy clothing
chanel outlet
los angeles lakers jerseys
karen millen dresses
valentino sale
ysl outlet
manchester united jersey
coach outlet
nike free uk
mcm handbags
new england patriots jerseys
the north face jackets
atlanta falcons jersey
mcm backpack
fred perry polo shirts
louis vuitton outlet uk
san antonio spurs jerseys
supra sneakers
air max 90
burberry outlet
oakley sunglasses wholesale
puma outlet store
cartier watches
0717maoqiuyun

Junda Xu ha detto...

20150728 junda
coach outlet
ralph lauren polo shirts
louis vuitton
pandora jewelry stores
prada outlet
michael kors
football jerseys
jordan shoes uk
gucci uk
cheap oakleys
michael kors uk
chanel bags
coach outlet store online
rolex watches for sale
polo ralph lauren uk
beats headphones
coach outlet
michael kors bags
longchamp pliage pas cher
polo outlet
jordan femme
coach factory outlet
longchamp pliage
louboutin
gucci handbags
cheap jordans free shipping
burberry sale
coach factory outlet
christian louboutin
pandora jewelry sale
oakley sunglasses wholesale
nike pas cher
louis vuitton sito ufficiale
ralph lauren pas cher
michael kors
jorda femme pas cher
tory burch handbags
true religion outlet
gucci borse
chaussure louboutin pas cher

姚嘉 ha detto...

cheap jordans free shipping
christian louboutin sale
nike air huarache
ray bans
michael kors outlet
cleveland cavaliers jerseys
oakley sunglasses
kobe 9 elite
christian louboutin
christian louboutin outlet

Cara Mengatasi Penyumbatan Empedu ha detto...

Nice Article ;)

Cara Mengobati Masalah Peru-Paru

Posta un commento

Lascia un commento!