Menu

Reader's Bench Menù PressDisclaimerReaders on tourLibri e...MagazineServiziRecensioniClickContattiChi Siamo Homepage

9 agosto 2011

Recensione | PER CHI SUONA LA CAMPANA (Ernest Hemingway)


A volte la curiosità ci spinge a scegliere le letture in base alla fama che si crea intorno ad alcuni autori. Il problema è che a volte ciò ci crea delle aspettative che potrebbero non essere mantenute e rimanere delusi.

Sono sempre stato tentato di leggere qualcosa di Hemingway, ma avevo paura di trovarlo noioso, oppure di non apprezzarne la scrittura.


Poi un giorno, mentre mi trovavo a piazza di Spagna entrai in una libreria e fui catturato dall’immagine di Guernica di Picasso, che faceva da copertina (azzeccatissima direi) a “Per chi suona la campana”.

Appena ho iniziato a leggerlo, sono stato subito catturato dall’atmosfera malinconica che trapelava dalle prime pagine. Questo stato di cose deriva probabilmente dallo stato d’animo del protagonista che conosce la sua prossima missione, che potrebbe portarlo alla morte ma che comunque deciderà di affrontare per tener fede ai suoi ideali.

Robert Jordan, è un americano che ha sposato la causa delle forze democratiche, durante la guerra civile spagnola. Il suo compito è far saltare un ponte strategico dell’esercito franchista e per fare ciò viene a contatto con un gruppo partigiano chiamato la banda di Pablo.

Da questo momento il romanzo diventa un viaggio che tocca diversi temi. In particolare c’è l’amore tra Maria e Robert che sembra voler mischiare le carte di un destino che sembra segnato. Elemento capace di creare un conflitto tra i due elementi della vita di ogni uomo: l’amore da cui tutto nasce e la morte che tutto spegne.

Altro tema che si evidenzia è che sebbene ci sia una contrapposizione tra fascisti e repubblicani, essi altro non sono che esseri umani che si trovano a sostenere diverse idee,si macchiano degli stessi crimini.

I racconti dei ricordi dei protagonisti, le riflessioni interiori degli stessi, toccano diversi argomenti nell’arco dei 3 giorni che separano all’adempimento della missione.

E’ stata un’esperienza interessante leggere questo primo Hemingway, non vedo l’ora di leggere i prossimi e di perdermi nelle storie descritte da questo grande scrittore.

A cura di Claudio
"Per chi suona la campana" di Ernesta Hemingway, Mondadori, 501 pagg, 10 euro


 Voto 8/10







0 commenti:

Posta un commento

Lascia un commento!