Menu

Reader's Bench Menù PressDisclaimerReaders on tourLibri e...MagazineServiziRecensioniClickContattiChi Siamo Homepage

4 agosto 2011

INTERVISTA AD AMARA LAKHOUS


Amara Lakhous ci ha fatto l'onore di accomodarsi sulla nostra panchina durante l'ultima giornata del Culture Pop Festival.


Abbiamo parlato del suo ultimo libro Un pirata piccolo, piccolo, della sua vita e degli autori e dei libri che hanno influenzato il suo lavoro.

Ringraziamo Amara Lakhous e vi inviatiamo a visitare il nostro canale Youtube.
L'intervista è a cura di Claudio Turetta.
Buona Visione!

8 commenti:

Anonimo ha detto...

ke classe, ke competenza , ke padronanza del video, ke.........

Reader's Bench ha detto...

Caro Anonimo, che cosa volevi dirci?
Comunque anche tu hai perfetta padronanza dell'italiano!

Reader's Bench ha detto...

Claudio, non è un giornalista professionista, è un lettore, un ragazzo laureato e collaboratore di questo sito. Possiamo assicurarvi che ha letto e conosce i libri di Amara Lakhous (di cui potete leggere le recensioni su Reader's Bench)
Se dovete commentare, segnalarci eventuali errori o criticare il nostro lavoro, spero che non vi nascondiate dietro l'anonimato.
Grazie a tutti voi!

Claudio ha detto...

CHe per caso ti sei dimenticato come si usa il CH?
Una cosa CHe mi è rimasta impressa in questi giorni a Culture Pop è CHe sia De Cataldo CHe Lakhous, evidenziavano il fatto che una volta c'erano persone che avevano dei sogni degli ideali e si battevano per cambiare le cose. Invece al giorno d'oggi mi rendo conto CHe quando qualcuno lotta per qualcosa viene messo in cattiva luce...

Francesco ha detto...

E' facile commentare senza esporsi, senza nemmeno mettere un nome.Figuriamoci metterci la faccia. Vorremmo tanto, caro ANONIMO, vedere la tua COMPETENZA, PADRONANZA e CLASSE (ma forse di questa ti manca anche quella elementare).

Davide ha detto...

Siamo tutti ragazzi che ci mettono la passione, l'anima ed il loro tempo. Claudio ha dovuto organizzare l'intervista in poco tempo, perché all'inizio non era prevista, ed a mio avviso un po di nervosismo da parte sua è stato normalissimo.
Caro anonimo, noi accettiamo le critiche aperte e costruttive, perché fanno crescere, il tuo commento, invece, mi sembra solo un modo di denigrare il lavoro degli altri, e questo non possiamo accettarlo in silenzio!
La prossima volta, scrivi ciò che vuoi, ma almeno abbi la coerenza di non nasconderti dietro ad un anonimo!!!

RolandOfGilead ha detto...

Non mi sembra così male l'intervista... ho visto di peggio sulle reti nazionali in prima serata. Detto ciò, mi preme fa riflettere su un punto:

Reader's Bench nasce per diffondere la nostra passione comune per la letteratura a 360°. In questo senso, per come la vedo io, una brutta intervista è mille volte meglio di uno squallido silenzio. E sia comunque ben chiaro che non reputo brutta per nulla questa intervista.

Il parere di tutti è importante e va rispettato, però ci sono modi e modi per esprimere le proprie idee, e anche il fatto di nascondersi dietro il più totale anonimato non ti reca molto onore, caro mister X.

Spero che in un futuro, se vorrai continuare a seguire la nostra Panchina, tu possa esprimerti con toni meno arroganti e sarcastici...

Mattia "Roland" Galliani

Diego ha detto...

Diciamo che si potrebbe anche prendere in considerazione un commento anonimo e considerarne l'autore semplicemente un po' maleducato, se non fosse ottusamente invettivo e, soprattutto, per niente argomentato. Un parere su cui non si ha il coraggio di mettere la faccia e che non si sa sostenere con delle ragioni, non ha più valenza dell'abbaiare del mio cane: lui almeno riesce a farmi capire cosa vuole ed esprimere le sue ragioni.

Posta un commento

Lascia un commento!