Menu

Reader's Bench Menù PressDisclaimerReaders on tourLibri e...MagazineServiziRecensioniClickContattiChi Siamo Homepage

29 giugno 2011

ANOBII




In questi ultimi anni, una delle parole che più di tutte è entrata nel nostro vocabolario comune è “social network”.

Per chi non lo sapesse un social network è una comunità virtuale, dove un utente costruisce una propria rete di contatti come nella vita reale (la popolazione mondiale già di suo è un social network).

Il più famoso di questi social network è sicuramente Facebook, con il quale si possono ritrovare vecchie amicizie o riallacciare legami di parentela negli angoli più disparati del pianeta.

Ma  Facebook non è l’unico social network esistente al mondo, ce ne sono di diversi tipi come ad esempio: Twitter dedicato al microblogging, ovvero si danno notizie in maniera sintetica, oppure social network dedicati al lavoro come LinkedIn, nella quale gli utenti costruiscono la loro rete di conoscenze professionali, oppure c’è LastFM che è un social network dedicato alla musica.

Per i libri esiste qualcosa? 
 

Certamente, esiste un social network per gli appasionati di libri e lettura e si chiama Anobii.

Anobii nasce nel 2005 ed il suo nome viene da Anobium punctatum, che altro non è il tarlo della carta, nei paesi anglosassoni è conosciuto come bookworm, termine con il quale vengono indicati quelle persone che passano molto tempo sui libri.

Nome a parte, di che cosa si tratta nello specifico? 

Anobii permette, gratuitamente, di poter creare un proprio profilo e aggiungere una libreria personale. In questa libreria ogni utente può inserire i libri che ha letto o quelli che si accinge a leggere a breve. Per ogni libro inoltre è possibile poi dare un voto da 0 a 5 e scrivere una recensione. Si può registrare data di inizio e di fine lettura, dove è stato acquistato, la data ed il prezzo, oppure se è un libro in prestito, la data d’ inizio e fine prestito ed eventualmente l’utente Anobii che ce l’ha gentilmente fornito.

Oltre alla libreria c’è anche una sezione nella quale ogni utente può postare i libri che vorrebbe leggere chiamata appunto “Lista desideri” (molto utile al sopraggiungere delle festività o compleanni vari), la sezione delle recensioni e quella delle statistiche, dove possiamo vedere chi ha visitato la nostra libreria, chi ha trovato d’aiuto i nostri commenti, quanti libri sono stati letti in un dato anno e così via.

Passiamo ora ai contatti. Uno dei pregi di Anobii, a mio avviso, è la distinzione che fa dei contatti tra amici e vicini. Gli amici sono quei contatti che conosciamo personalmente mentre i vicini sono persone che troviamo interessanti e seguiamo per avere spunti per i nostri prossimi libri.

Come facciamo a scoprire i nostri vicini? 

Ce li segnala il sito in base all’ordine di compatibilità, ovvero un indice in base ai libri in comune, i voti dati ai libri letti, gli autori.
Inoltre per trovare altri vicini, ci si può iscrivere ai vari gruppi di Anobii. I gruppi sono composti da lettori che hanno perlopiù una passione per un determinato genere o personaggio, ma anche per un autore. Come per i gruppi di Facebook si possono aprire delle discussioni su un determinato argomento per parlarne con altri appasionati o scoprire retroscena e curiosità.

Detto questo, andiamo a vedere la Home page di Anobii. Su di essa appaiono tutti gli aggiornamenti in merito ai nostri amici e vicini. Ovvero i libri che hanno aggiunto in libreria o lista desideri o i libri letti. A lato come detto prima ci sono due sezioni dove ci sono le ultime recensioni aggiunte da alcuni utenti e una sezione dove trovare persone con gusti simili ai nostri.

Andando ad analizzare le schede dei libri, esse, presentano: il voto medio dato da tutti gli utenti, quante persone hanno questo libro in libreria, le recensioni e la possibilità di aggiungere il libro alla lista desideri o alla propria libreria e nel caso sia già presente tramite il tasto modifica è possibile inserire delle informazioni riguardo al nostro libro.

Ovviamente è possibile cercare un libro che si vuole nella propria libreria o in lista desideri. Segnalo però il fatto che ogni qual volta si voglia cercare un libro, occorre farlo inserendo il codice ISBN,  è univoco per ogni libro ed è più preciso. Cercare il libro per il titolo potrebbe non restituire il risultato sperato oppure fornire una lista di libri dal titolo identico.

I libri che si possono inserire sono svariati, da quelli leggeri a quelli tecnici che si usano in ambito lavorativo/universitario, così come fumetti o graphic novel.

Nel caso il libro che cerchiamo non sia presente in archivio (attualmente ce ne sono più di 27 milioni) perché è una nuova uscita o perché è di una piccola casa editrice, Anobii permette di inserire una scheda del libro in archivio. Unica pecca per un nuovo libro inserito? Dovete attendere un paio di settimane prima di vederlo figurare nella nostra libreria virtuale.

Qual è però la peculiarità di Anobii?

A volte quando si navigano tra le sue pagine sembra di girovagare per una grande libreria, vedere dei libri e conoscerne le opinioni altrui in tempo reale,  permette di scoprire nuovi libri e di scartare altri su cui si era in dubbio.

Che dire, sicuramente un elemento prezioso per chi sia appassionato di libri, chi ha voglia di scoprirne nuovi , scambiare e condividere idee e opinioni e perché no, farsi nuovi amici con cui condividere la stessa passione.

A cura di Claudio

Cari Readers, in alto a sinistra potete trovare il link alla nostra libreria su Anobii, spulciate tra i nostri scaffali!

8 commenti:

Davide ha detto...

Personalmente sono iscritto su Anobii da 2 anni e mezzo, e devo dire che è molto utile, per tener traccia di mille piccole cose.
Dove abbiamo comprato un libro, chi ce l'ha regalato e così via.
Inoltre grazie ai vicini, ho scoperto piccoli gioielli che altrimenti mi sarebbero sfuggiti. Anobii è un must per ogni lettore accanito.
Provare per credere

Diego ha detto...

Attualmente Anobii è la mia fonte di ricerca preferita per nuovi libri da leggere.

Claretta ha detto...

Non ho ancora un account, mi perdonate?

micia ha detto...

Sono iscritta ormai da diversi anni...ora cerco il vostro account

Claudio ha detto...

Anobii rappresenta uno dei pochi casi, in cui la tecnologia è al servizio della comunità.
Oltre a scoprire nuovi libri, permette di leggere opinioni altrui, dibattere sui libri o situazioni legate ai libri(ad esempio una volta c'era un gruppo dei lettori pendolari).

Claudio ha detto...

Vorrei segnalare l'utilità della lista dei desideri di anobii.
E' utile quando si devono levare le castagne dal fuoco, quando si tratta di fare regali per compleanno e/o Natale. :))

Diego ha detto...

Sì, soprattutto quando il soggetto è un lettore incallito, ma dai gusti particolari e, regalando il solito best-seller, si rischia di fare cilecca! ;)

xjd7410@gmail.com ha detto...

20160912 junda
ed hardy clothing
mac cosmetics
lacoste pas cher
pandora jewelry
louis vuitton outlet stores
ralph lauren polo
adidas trainers
fred perry polo shirts
mulberry outlet
prada handbags
louis vuitton
coach outlet
uggs outlet
links of london
michael kors outlet
swarovski crystal
swarovski outlet
michael kors outlet
tiffany and co
michael kors outlet clearance
ugg sale
longchamp handbag
adidas wings
louis vuitton bags
coach handbags
polo ralph lauren
rolex watches
asics
canada goose jackets
michael kors handbags
true religion jeans
tory burch outlet
nike roshe run
tory burch outlet
ferragamo shoes
louis vuitton sunglasses
nike roshe
coach outlet online
cheap uggs
michael kors handbags

Posta un commento

Lascia un commento!