Menu

Reader's Bench Menù PressDisclaimerReaders on tourLibri e...MagazineServiziRecensioniClickContattiChi Siamo Homepage

23 maggio 2011

NOTIZIE DA UN ALTRO PIANETA



Iniziamo la settimana con il nostro editoriale che non poteva non occuparsi di ebook. Il nuovo formato digitale del libro che tanto ha fatto parlare il web negli ultimi giorni.


La prima notizia è infatti dello scorso 20 maggio ( fonte News Live 24): Amazon annuncia che ad oggi risultano più venduti i libri in formato ebook piuttosto che quelli in formato cartaceo.

 Del mondo degli ebook ci siamo già occupati in passato e proprio in questa settimana uscirà un’intervista molto interessante diretta ai produttori del formato ma quello che adesso ci interessa è analizzare i dati. Le cifre riportate nell’articolo si riferiscono sicuramente alla versione statunitense del sito Amazon, da poco sbarcato anche nello stivale, dove gli ebook e il lettore Kindle, spadroneggiano.



Una tecnologia giovane, nata negli ultimi anni, che tanto successo sta raccogliendo all’estero tanto da far supporre, negli Usa, la sparizione dei libri di testo nelle scuole. Per quanto riguarda il nostro paese, del quale non abbiamo dati certi, posso dire che la tecnologia è agli inizi: dedicata ad un pubblico prevalentemente giovane e in movimento, alla ricerca di un dispositivo facile e comodo soprattutto per gli spostamenti.

La seconda notizia, sempre del 20 maggio, (Il Fatto Quotidiano): La pubblicità nei libri potrebbe divenire normale con la transizione verso gli ebook.


Torna Amazon, il colosso dell’e-commerce d’oltreoceano e la sicurezza che anche questa volta si tratti di notizie che non riguardano il nostro paese. All’interno del lettore ebook “potrebbero” comparire immagini pubblicitarie di fondo.


Come se non bastasse quella che già ci perseguita sullo schermo, sulla carta stampata e su google, che analizza i nostri gusti e ci propone sempre pubblicità mirata (fateci caso); la pubblicità nel lettore potrebbe intervenire in modo ancora più subdolo proprio reclamizzando qualcosa di cui l’autore parla, andando a minare quel rapporto di fiducia che si crea con lo scrittore.


Questo tipo di notizie da una parte sottolinea l’arretratezza tecnologica del nostro paese e dall’altra mi costringe a riflettere sul modo in cui vengono trattati certi argomenti. Innanzitutto, dov’è l’informazione?


Non mi riferisco solo al fatto che spesso si parli di cifre e notizie in alcuni casi solo ipotizzate e non importa neanche che si parli di altri paesi, anzi, ma mi domando:  non è che questi toni allarmistici e possibilisti non facciano altro che aumentare il pregiudizio intorno al mondo degli ebook?


Il nostro paese, si sa, è restìo ai cambiamenti e le notizie date in questo modo non credo che aiutino il progresso e la conoscenza.


L’unico modo per salvarsi è informarsi e tanto per cambiare, leggere!


Se ci interessa una argomento, qualunque esso sia, confrontiamo gli articoli, compriamo testi a riguardo e non sottovalutiamo mai la possibilità di contattare personalmente questi siti per aver il maggior numero di informazioni possibili.


Un atteggiamento del genere potrebbe aiutarci anche nella scoperta di quei meccanismi di manipolazione che, qualora ci vengano propinati, sarebbero immediatamente identificati.


Non siate paurosi ma abbiate il coraggio di curiosare!

A cura di Claretta


3 commenti:

MrPauly ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
RolandOfGilead ha detto...

Io ho fatto il "grande passo" una decina di giorni fa'... sono passato al mondo degli ebook con un reader della sony, un modello "tascabile".

Devo dire che, dopo un imbarazzo iniziale denso di scetticismo, mi sono convinto che sì, forse gli ebook possono rappresentare il futuro.

Nostalgicamente parlando, il libro cartaceo è insostituibile. Maneggiare le pagine, sfogliarle, sentire l'odore di "libro nuovo", o meglio ancora di "libro antico" non trova il minimo riscontro nella moderna tecnologia. Ma l'utilità e la praticità di un lettore ebook sono davvero notevoli. In così poco spazio si possono "raccogliere" più di mille "libri"! E la tecnologia e-ink è davvero formidabile: dieci giorni di lettura intensa, mai meno di tre ore al giorno, e non un solo sintomo di stanchezza agli occhi, cosa che con un computer, palmare, tablet o cellulare sarebbe impensabile: a tutti gli effetti, l'ebook reader con tecnologia e-ink ricrea proprio la pagina di un libro, la differenza si nota a malapena...

...per quanto mi riguarda, credo che l'acquisto sia valso fino all'ultimo centesimo (al momento, nessuna pubblicità, grazie al cielo!)


L'unico tasto dolente? Il prezzo degli ebook: comprare un "libro" online è comunque costoso, almeno per quel che riguarda i libri in lingua italiana. I prezzi scendono sensibilmente in caso di libri, ad esempio, in Inglese...

(un libro nuovo, sui 20 euro in libreria, si trova in formato ebook a circa 12/13 euro... sicuramente un piccolo risparmio, ma non vedo ancora tutta questa grande differenza... speriamo in una futura politica di taglio ai prezzi)

RolandOfGilead ha detto...

P.s.

Il commento di MrPauly era sempre mio ^^"

Ero loggato con l'account di un amico per sbaglio XD

Posta un commento

Lascia un commento!