Menu

Reader's Bench Menù PressDisclaimerReaders on tourLibri e...MagazineServiziRecensioniClickContattiChi Siamo Homepage

28 aprile 2011

Readers On Tour | Presentazione: 33 SALTI NELLA STORIA


Nella cornice del neo riaperto Bar Poeta, in piazza del popolo a Latina,è stato presentata l’antologia “33 Salti nella Storia”.

Questo libro è una raccolta di 33 racconti di 28 autori pontini (18 uomini e 10 donne), che hanno adottato i 33 comuni che compongono la provincia di Latina e li hanno presentati attraverso alcuni fatti storici realmente accaduti in questi luoghi.


La curatrice Roberta Sciarretta, ha voluto sottolineare come questo progetto sia un tentativo di dare vita alla parola del popolo, a quei luoghi così poco conosciuti, ma che nel loro insieme, costituiscono una grande provincia.

Durante la presentazione, l’importanza di questa iniziativa è stata rimarcata da parte dell’assessore alla cultura della provincia di Latina Fabio Bianchi, che ne è anche promotore insieme a Gianluca Campagna.

“33 Salti nella Storia” ha permesso ad autori della provincia di esprimersi raccontando i luoghi che li hanno visti crescere o che oggi sono la loro casa, ed altresì di presentarci aneddoti storici altrimenti tralasciati spesso nelle cronache della grande storia.



Proprio questo punto è stato ribadito dal Prof. Luigi Zaccheo, il quale sottolineava l’estrema importanza della piccola storia. Molto spesso nelle scuole ma in generale nella vita, si tende a dare importanza all’insieme di ciò che avviene, senza soffermarsi su tanti piccoli avvenimenti che poi ci danno il quadro completo della situazione. E’ la piccola storia che fa la grande storia.

Dopo l’introduzione, alcuni degli autori, hanno letto stralci dei loro racconti, 33 piccole storie che possono, nel loro insieme darci una chiave di lettura diversa della provincia di Latina.

Vi riporto il testo di una antica canzone popolare che fa da chiusa al racconto molto personale dell’autrice Lucia Viglianti sul comune di Sezze, e che l’autrice stessa ha letto, con molta commozione, durante la presentazione:

Il 21 gennaio
Sul far della mattina
Un colpo di marina
A tutti ci destò

Nettuno è liberata!
Ci son gli Americani”
Si battono le mani
Ecco i liberator!

Il popolo di Sezze
Stava tutto contento
Ma viè il bombardamento
E a tutti il cuor tremò.

Si fugge dalle case
Si va nelle caverne
Sembrano pene eterne
C’è solo da soffrir!

Povera Patria mia
Divisa e sconsolata
Da tutti bombardata
Senza rimorso al cuor

Benito Mussolini
Volle l’Italia in pianto
Per tutto è un camposanto
Per tutti gran dolor

Di sotto le macerie
Si sentono i lamenti
Gridano gli innocenti:
“A morte i traditor”


 A cura di Davide

0 commenti:

Posta un commento

Lascia un commento!