Menu

Reader's Bench Menù PressDisclaimerReaders on tourLibri e...MagazineServiziRecensioniClickContattiChi Siamo Homepage

11 ottobre 2010

Recensione | I PIRATI DELL'OCEANO ROSSO (Scott Lynch)

Nel primo capitolo della serie dei Bastardi Gentiluomini sicuramente a farla da padrone oltre ai fantastici personaggi, era la città di Camorr. La città era in tutto e per tutto una protagonista della storia, piena di vita e di avvenimenti.


Ne I Pirati dell'Oceano Rosso, secondo libro della serie, Locke e Jean viaggeranno molto, visitando diversi luoghi: da Val Virazzo a Tal Verrar, fino ad arrivare a Porto Prodigio, ma nessuno di questi luoghi rende come Camorr. Scott Lynch però, ha trovato un luogo che risulta importante allo stesso modo: l'Orchidea Velenosa. La nave pirata sulla quale Locke e Jean si troveranno (all'inizio loro malgrado) a diventare pirati, pullula di vita e attività, sostituendo degnamente Camorr, pur con le sue ovvie diversità.


Come nel primo capitolo della serie tutto parte da uno degli "inganni" di Locke. Dopo la fine della loro banda, Jean e Locke fuggono per nave da Camorr e iniziano a ricomporsi. Il loro nuovo obiettivo è Peccapico, una torre di vetrantico che svetta in mezzo a Tal Verrar. Peccapico è una sorta di casinò su livelli. Per poter accedere ai livelli più alti, dove si gioca "pesante", bisogna o essere persone in vista, o attirare l'attenzione del suo proprietario, Requin.


Locke e Jean dovranno sospendere il loro "inganno"per l'intrusione nei loro affari dei Maghi dell'Alleanza di Karthain, che li metteranno in mezzo in una guerra nascosta fra l'Arconte di Tal Verrar e i Priori, ovvero potere militare e politico della città.


Lynch come al solito riesce a catturarti sin dall'inizio e a trasportarti al fianco di quei due buontemponi che sono Locke e Jean. Non si può non parteggiare per loro e non amarli come personaggi.
L'ironia che contraddistingue la serie è sempre presente e non risente minimamente del cambio di sfondo.
La genuinità dei personaggi di Lynch oltre all'intreccio che riesce sapientemente a creare sono la forza portante di questa serie, che non stanca mai il lettore, conquistandolo costantemente. 


La mancanza del resto della banda, dai gemelli Sanza a Cimice, poteva far perdere qualcosa alla spinta della storia, ma l'autore è riuscito a circondare i due protagonisti con un cast di comprimari eccezionali, come il capitano pirata Zamira Drakasha ed il suo luogotente Ezri Delmastro, che riescono a non far rimpiangere minimamente i compagni di Locke.


Con I Pirati dell'Oceano Rosso ancora una volta Scott Lynch raggiunge il suo obiettivo. Un libro divertente, avventuroso e sopratutto scritto benissimo, che vi regalerà ore di lettura e di soddisfazione.


"I Pirati dell'Oceano Rosso" di Scott Lynch, Ed Nord, 710 pag, prezzo 19,60 €


Voto: 9 / 10







0 commenti:

Posta un commento

Lascia un commento!