Menu

Reader's Bench Menù PressDisclaimerReaders on tourLibri e...MagazineServiziRecensioniClickContattiChi Siamo Homepage

27 ottobre 2010

Recensione | DIARI DI VIAGGIO ALLE ISOLE EOLIE (a cura di Clara Raimondi)

Se vi siete, per caso, già imbattuti nella recensione de Alle Eolie sulla scia di Ulisse qui sulla nostra panchina, capirete che il libro di cui vi parlerò ne è diretta prosecuzione.
Diari di viaggio alle isole Eolie a cura di Clara Raimondi, raccoglie, con testo a fronte in francese, gli scritti dedicati alle magnifiche isole siciliane di Alexandre Dumas e Guy de Maupassant.
Il libro si propone di soffermarsi proprio su due tra i più importanti viaggiatori delle Eolie.
Alexandre Dumas padre (1802-1870) è uno dei più grandi scrittori francesi, maestro del romanzo storico, è autore di capolavori come “ I tre moschettieri” e “Il Conte di Montecristo.
Arriva in Italia nel 1835 e dopo Genova, Livorno, Napoli, approda in Sicilia e giunge sulle Isole Eolie tra il 6 e il 9 settembre dello stesso anno.
L’escursione alle isole occupa diversi capitoli del suo diario di viaggio “Impressions de voyage. Le capitaine Arena” in cui appaiono, in veste di accompagnatori, l’amico Jadin e il cane Milord.
Un viaggio fatto d’incontri ricchi di umanità, pieno di riflessioni e di elogio alla magnificenza della natura inviolata.
L’incontro e la convivenza con i Francescani che li ospitano a Lipari, il viaggio a Vulcano dove sono ospiti dei figli del Generale Nunziante e la visita ai forzati che estraggono lo zolfo e la notte trascorsa ad ammirare nel buio lo spettacolo del vulcano Stromboli, sono solo alcuni dei passi più interessanti.
Con voluto distacco e con numerose incertezze, ci presenta un mondo che ai suoi occhi appare lontano e a tratti incomprensibile, quasi si trattasse di un viaggio verso le zone più lontane della terra, un viaggio esotico a pochi chilometri da casa.
Il racconto descrive le abitudini economiche socio culturale delle isole, le bellezze naturali e quelle archeologiche.
Sue le pagine che descrivono l’organo di Eolo, già dipinto da Jean Houel e che la leggenda indicava come un antico strumento che emetteva suoni in base al vento che lo attraversava.
Guy de Maupassant (1850-1893) è uno dei maggiori scrittori del naturalismo francese, autore di diversi racconti e romanzi, di cui il più famoso è “Bel -Ami”.
Maupassant attraversò in lungo e in largo il Mediterraneo, da ciascuno dei suoi viaggi, intrapresi proprio sul suo yacht” Bel Ami”, tornava sempre carico di energia propulsiva che imprigionava nelle sue opere.
Nel suo racconto di viaggio “La vie errante”, esiste un capitolo dedicato al suo soggiorno in Sicilia nella primavera del 1885.
L’autore visitò anche le isole Eolie e in particolar modo Vulcano che ispirò le pagine contenute nel libro.
Abbandonando la visione oggettiva e distaccata, Maupassant si lascia a un lirismo ineguagliabile nella descrizione della sua scalata al cratere di Vulcano.
La fucina del fabbro degli dei è descritta con dovizia di particolari, con un uso di similitudini per cui la “sciarpa gialla” sono le ginestre che contornano Vulcano e lungo i suoi fianchi si distinguono “alcune case attaccate come conchiglie marine a uno scoglio”.
Un breve racconto per descrivere le profonde emozioni che il paesaggio suscita in lui.
La veste grafica, come per l’altra opera della scrittrice, è curata come sempre, questa volta però con quel tocco in più: le splendide illustrazioni interne di Adriana Pignatelli Mangoni, che ha interpretato in chiave propria le tele che alle isole sono state dedicate.
Un libro che ci presenta i due autori sotto vesti nuove, inframmezzato da pagine centrali che propongono i passi più importanti, i momenti lirici del racconto.
La narrazione di Dumas supera in lunghezza le poche pagine di Maupassant, che tuttavia si difende con una straordinaria liricità.
“.. questa roccia arsa dal fuoco, questa lava indurita dall’aria, queste scorie scalfite dall’acqua delle tempeste, possono essere una patria?”
Alexandre Dumas
“ Tutto è giallo intorno a me, sotto i miei piedi e sopra di me, d’un giallo che confonde e acceca. Lo sono il suolo, le alte pareti e perfino il cielo. Il sole spande nell’abisso muggente la sua luce infuocata che il calore della conca di zolfo rende dolorosa come una ustione”.
Guy de Maupassant
Questo libro ci è stato gentilmente inviato dall’autrice, Clara Raimondi.
Il sito www.eolie.sciadiulisse.it è il portale principale con il quale poter  accedere ad un mondo di informazioni sulle Isole Eolie, dove poter iscriversi alla newsletter e commentare il blog, entrando a far parte di una community di amici delle isole Eolie.

Diari di Viaggio alle Isole Eolie” a cura di Clara Raimondi, Ed Centro Studi Lipari,  117 pag, 15 €
Voto: 9 / 10

0 commenti:

Posta un commento

Lascia un commento!