Menu

Reader's Bench Menù PressDisclaimerReaders on tourLibri e...MagazineServiziRecensioniClickContattiChi Siamo Homepage

17 settembre 2010

Recensione | L'ANGELO DELLA NOTTE: LA VIA DELLE TENEBRE (Brent Weeks)

Premessa. Questa recensione si basa sull’edizione originale in inglese del libro. Se qualche nome non corrisponde sarà dovuto alla diversa traduzione data in italiano.
Brent Weeks si affaccia sulla scena del fantasy con La Via delle Tenebre, primo volume della Night Angel Trilogy. La storia in superficie non è molto dissimile dal canovaccio di tante altre, con personaggi presi a piene mani da alcuni dei più classici stereotipi del genere. Però l’abilità di Weeks nell’intrecciare questi personaggi all’interno della trama, di farli crescere umanamente lungo tutto l’arco narrativo, fa si che questo romanzo si elevi dai soliti cliché riuscendo ad essere un ottimo debutto letterario.
Azoth è un piccolo delinquente di strada, appartenente ad una banda, nella quale è perennemente perseguitato, tranne da due persone che sono per lui preziose ancore di salvezza, Jarl e Doll Girl. 
All’inizio della vicenda Azoth è tormentato dal sadico capo della banda, Rat, il quale si accanisce sui più piccoli appartenenti alla banda. Così Azoth cerca una possibilità di salvezza nell’idea di diventare apprendista del più famoso assassino di tutta Cenaria: Durzo Blint.
Ovviamente Azoth diverrà suo apprendista, prendendo il nuovo nome di Kaylar Stern, ma l’autore non gli rende facile il compito, ponendolo davanti a scelte difficili, ma soprattuto facendoci capire che in questo mondo l’esitazione causa brutte conseguenze.
Azoth per tutta la vita porterà nel suo animo il peso delle ferite inferte da Rat al suo amico Jarl (che viene stuprato) e alla sua amica Doll Girl (che viene sfigurata), dovute proprio alla sua indecisione nell’uccidere Rat per poter finalmente abbracciare la via delle tenebre.
La vita di Azoth/Kylar scorre attraverso la sua crescita e il suo passaggio da un mondo di sofferenza, fame e miseria ad una vita da finto nobile di giorno e apprendista di Durzo di notte. In contemporanea con la sua crescita seguiamo quella del suo amico Lord Logan Gyre, il quale avrà una grande influenza sulla vita di Kylar
Kylar è un personaggio a cavallo fra il desiderio di diventare bravo come il suo maestro, per non dover avere mai più paura di nessuno, e l’intima voglia di vivere una vita normale.
Per tutto il libro è combattuto fra il desiderio di diventare sempre più bravo, di avvicinarsi al potere di Durzo, che instilla paura e rispetto nelle persone, e la voglia di mollare tutto e cambiare vita, conoscere un esistenza normale.
Tutto il libro è costellato di personaggi interessanti e al limite dell’ambiguità fra bene e male. Come Durzo stesso, del quale fino alla fine non si riesce a comprenderne a fondo l’animo. L’enigmatica Momma K. tenutaria dei bordelli di Cenaria, usati come via di salvezza per molte donne della città altrimenti costrette alla strada (chi ha detto legge Merlin?). Il miglior amico Jarl, costretto a diventare un prostituto per salvarsi dalla strada.
Cenaria è una città che sprigiona da tutti i pori la sofferenza dei suoi abitanti e nella quale ottenere la forza è l’unica speranza di salvezza. Weeks la riempie di tutti quei temi che a volte sono presenti anche nella società di oggi ma che in un mondo ancora più brutale, risultano quasi normali e all’ordine del giorno.


La Via delle Tenebre contiene sicuramente in se tutti i classici elementi di un fantasy solido, riuscendo però a inserirli in una trama architettata veramente a puntino, con colpi di scena a volte molto difficili da prevedere (dal mio punto di vista un grandissimo punto a favore) e che vi terranno incollati alle pagine fino alla fine.

Per essere un opera prima Brent Weeks ha raggiunto un ottimo livello, che lo attesta accanto a nuovi autori del genere come Scott Lynch o Brandon Sanderson.
Se amate il fantasy è una trilogia da non perdere.



L’Angelo della Notte: La Via delle Tenebre” di Brent Weeks, Ed Newton Compton, 588 pag,  14,90 €
Voto: 9 / 10



2 commenti:

Franz ha detto...

sapete niente quando esce il 2 volume della trilogia in italiano ?

Davide ha detto...

Non ho una data certa al momento Franz, sicuramente però considerando il modus operandi delle case editrici italiane ti direi ad un anno di distanza dall'uscita del primo. Quindi intorno ad aprile-maggio 2011
ciao

Posta un commento

Lascia un commento!